Me
Il volto violento della Romania
Condividi su:

Il volto violento della Romania

Attraverso una serie di scatti molto crudi il fotografo Mihai Barabancea racconta il lato più cupo della vita di Bucarest

17 Ott. 2015

Nel suo ultimo libro fotografico, Overriding Sequence, l’artista rumeno Mihai Barabancea racconta senza filtri il lato più crudo della vita in Romania. Attraverso scatti duri e profondamente autentici, Barabancea guida l’osservatore in uno straziante viaggio per le vie della “capitale romena degli omicidi”, come lui stesso chiama Bucarest.

Protagonisti di molti scatti sono i bambini, che nascono e crescono all’interno del sottobosco criminale che invade la città. Le foto mostrano con crudezza il lato più duro e violento delle strade della capitale rumena, una città che secondo il fotografo sta lentamente andando incontro a un’inevitabile autodistruzione e che, per salvarsi, non può fare a meno di attendere l’arrivo di un eroe.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus