Me
Possibili sanzioni per i medici che sconsigliano i vaccini
Condividi su:

Possibili sanzioni per i medici che sconsigliano i vaccini

Secondo alcune indiscrezioni, il governo italiano starebbe prendendo in considerazione di sanzionare i medici che sconsigliano di vaccinare i bambini

16 Ott. 2015

Tra i provvedimenti al centro della discussione avviata dal ministero della Salute nell’ambito del nuovo piano vaccinale potrebbe essercene uno che prevede sanzioni per i medici che sconsigliano l’uso dei vaccini ai loro pazienti.

Il piano verrà discusso il 20 ottobre 2015 in un incontro tra le Regioni e il dicastero guidato da Beatrice Lorenzin. Nel piano potrebbe essere inserito anche un provvedimento che rende l’iscrizione a scuola subordinata all’obbligo di vaccinarsi. 

Tuttavia il ministero della Salute ha diffuso un comunicato con il quale smentisce le prime anticipazioni.

“In relazione a quanto pubblicato da diversi organi di stampa, secondo cui sarebbero allo studio nuove sanzioni quali la radiazione per i medici che sconsigliano le vaccinazioni obbligatorie, si precisa che la notizia è priva di ogni fondamento”, si legge nel comunicato.

Il tutto avviene dopo che nei giorni scorsi c’erano state diverse polemiche circa l’aumento delle famiglie che decidono di non immunizzare i propri figli, e la conseguente campagna portata avanti dal ministero della Salute per arginare il problema. 

Secondo alcune stime nel 2014, le coperture vaccinali nazionali a 24 mesi d’età contro la poliomielite, il tetano, la difterite, l’epatite B, l’Haemophilus influenzae b e la pertosse sono scese al di sotto del 95 per cento, valore minimo previsto dall’obiettivo del Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2012-2014.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus