Me

Instagram rivela perché censura foto di seni femminili

Il social network di immagini ha ammesso che la censura riguarda le norme che Apple impone alle applicazioni che vogliono essere diffuse sugli smartphone

Immagine di copertina

Ad aprile sul social network di immagini Instagram e su Twitter si era diffusa la campagna FreeTheNipplela libertà di mostrare il seno – lanciata in Svezia e sostenuta da donne provenienti da tutto il mondo che pubblicavano le proprie foto a seno scoperto per rivendicare la libertà di mostrare il corpo femminile senza che fosse associato alla sessualità. 

Finora nessun responsabile delle piattaforme di condivisione aveva spiegato il vero motivo per cui le fotografie in cui si vedono capezzoli femminili vengano censurate, a differenza di quanto accade con quelle che mostrano il torso nudo di uomini. Ora però, l’amministratore delegato di Instagram Kevin Systrom, a mesi di distanza dalla polemica che aveva portato la discussione addirittura al parlamento svedese – quando anche una deputata aveva deciso di aderire alla campagna – ha finalmente chiarito cosa succede quando un’immagine di parziale nudo femminile viene pubblicata.

Secondo Systrom, Instagram sottopone le immagini a uno stretto controllo per continuare a diffondere la propria applicazione sui dispositivi Apple. In sostanza, sarebbe l’azienda statunitense fondata da Steve Jobs la vera responsabile della censura, dal momento che detiene regole precise sulla diffusione di nudità femminili, al fine di garantire un servizio adatto ai minori di 18 anni.

Se un’azienda di applicazioni, come Instagram per esempio, vuole continuare a collaborare con Apple, deve rispettare le sue norme ferree e censurare i propri utenti. Le uniche immagini a seno scoperto che le donne possono pubblicare sono quelle relative all’allattamento e alle cicatrici provocate dalla mastectomia, l’operazione chirurgica che prevede l’asportazione della mammella.