Me

Mamma e papà, sono lesbica

L'artista ecuadoriana Paola Paredes ha documentato con una serie di fotografie il momento in chi ha annunciato ai suoi genitori la propria omosessualità

Immagine di copertina

L’artista ecuadoriana Paola Paredes ha raccontato con una serie di fotografie il momento in cui ha rivelato ai suoi genitori, cattolici conservatori, di essere lesbica. La raccolta di immagini intitolata Unveiled, in italiano Senza veli, documenta in sequenza la lunga conversazione, durata tre ore, che l’artista ha avuto con i genitori durante una cena. 

È passato del tempo prima che riuscissi a parlare. Ho prima guardato sotto il tavolo, poi ho fatto un grosso respiro. Soltanto dopo sono finalmente riuscita a dire le parole ‘sono lesbica’”, racconta Paredes. Per abituare i suoi famigliari alla presenza delle fotocamere, Paredes racconta di aver ripreso, alcuni giorni prima del coming out, diversi momenti di vita quotidiana di ciascun membro della famiglia. “Avevo bisogno che trovassero naturale stare di fronte alle fotocamere”, rivela l’artista. “Li ho fotografati mentre cucinavano, si lavavano i denti, si facevano la barba, fumavano e guardavano soap opera”.

Paola Paredes ha studiato arte e design a Quito, la capitale dell’Ecuador, si è poi appassionata alla fotografia. Nel corso degli anni, ha continuato a lavorare al progetto Unveiled aggiungendo altre due sezioni, Beyond the Veil II e Beyond the Veil III. Nel settembre 2015 una delle sue fotografie è stata selezionata come finalista del premio ArtGemini, che si terrà il prossimo novembre a Singapore.