Me
I fantasmi di Fukushima
Condividi su:

I fantasmi di Fukushima

Un fotografo polacco ha documentato il sopravvento della natura nella zona abbandonata vicino alla centrale nucleare di Fukushima, in Giappone, dopo il disastro del 2011

14 Ott. 2015

L’11 marzo del 2011 un terremoto di magnitudo 9.0 ha colpito il nord del Giappone, scatenando uno tsunami con onde alte più di dieci metri che hanno danneggiato la centrale nucleare di Fukushima e causando uno dei più gravi incidenti nucleari mai avvenuti. Le vittime accertate furono 16mila e i dispersi circa 2.500.

A oltre quattro anni di distanza, l’area intorno alla centrale è ancora abbandonata per ragioni di sicurezza, per via dell’alto livello di radiazioni ancora presenti nella zona (qui le immagini).

Il fotografo polacco Arkadiusz Podniesinski è stato a Fukushima per documentare l’attuale situazione della zona nei pressi della centrale, rimasta completamente abbandonata dai tempi dell’incidente. I centri abitati sono divenuti vere e proprie città fantasma e le automobili abbandonate sono state inghiottite dalla vegetazione.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus