Me
Come sarebbe la vita senza smartphone
Condividi su:

Come sarebbe la vita senza smartphone

L'artista statunitense Eric Pickersgill ha fotografato attimi di vita quotidiana togliendo i telefoni dalle mani dei soggetti rappresentati

13 Ott. 2015

Senza tecnologia saremmo diversi e certamente più arretrati, ma a volte il progresso può avere effetti negativi. Il fotografo statunitense Eric Pickersgill ha documentato in che modo la vita è cambiata dopo l’arrivo degli smartphone. Con il suo progetto artistico Removed, ha riprodotto alcune scene di vita quotidiana togliendo dalle mani dei soggetti fotografati cellulari, iPad e ogni altro tipo di tecnologia portatile. 

L’artista racconta come l’idea sia nata in una mattina qualsiasi nel bar Illium cafè di Troy, una cittadina dello stato di New York. Il fotografo era rimasto colpito dal comportamento di una famiglia seduta vicino a lui: “Tutti erano così disconnessi tra loro. Non parlavano molto. Il padre e le due figlie guardavano i loro cellulari. La madre, senza telefono, osservava fuori dalla finestra, sola, accanto alla sua famiglia”. 

La raccolta fotografica, pubblicata nel 2015, mette in evidenza quanto l’uso eccessivo della tecnologia ci renda popolari nel mondo virtuale, ma soli nella vita reale.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus