Me
Le notizie di oggi
Condividi su:

Le notizie di oggi

Quello che dovete sapere per questa giornata

12 Ott. 2015

Turchia: la stampa turca riferisce che almeno 15 persone sospettate di aver legami con l’Isis sarebbero state fermate dalle autorità per gli attentati che sabato 10 ottobre hanno provocato almeno 128 morti e più di 500 feriti, durante una manifestazione pacifica nella città di Ankara. Domenica, migliaia di persone si erano riunite nella capitale Istanbul per protestare contro il governo, ritenuto responsabile della strage. Al momento dei due attacchi, avvenuti vicino a un’importante stazione ferroviaria di Ankara, centinaia di persone stavano marciando per chiedere la fine degli scontri che durano da oltre 30 anni tra il governo turco e i militanti curdi del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), ritenuto illegale nel Paese. In seguito alle esplosioni, il Pkk ha dichiarato una tregua temporanea per permettere alle elezioni generali previste per il primo novembre di svolgersi in sicurezza.

– Iraq: secondo le autorità irachene, il califfo dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi sarebbe rimasto ucciso durante un attacco al convoglio che lo stava trasportando a un vertice del gruppo terrorista, nella parte occidentale dell’Iraq. Il portavoce del ministero dell’Interno ha riferito che è stato bombardato anche il luogo dell’incontro. Al momento non si hanno conferme sulla sorte del califfo e tramite l’account Twitter utilizzato dall’Isis per gli annunci ufficiali, la notizia è stata smentita. Sulla testa di al-Baghdadi pende una taglia di dieci milioni di dollari e più di una volta sono state smentite le dichiarazioni che vedevano il califfo ucciso durate attacchi rivolti all’Isis. Secondo le fonti ospedaliere contattate dall’emittente araba con sede a Dubai al-Arabya, la salma di al-Baghdadi non sarebbe tra quelle pervenute.

– Bielorussia: domenica 11 ottobre, Aleksandr Lukashenko è stato rieletto presidente per la quinta volta consecutiva, dopo un governo di oltre 20 anni, con l’83,5 per cento dei voti. L’86,75 per cento degli aventi diritto si è recato alle urne durante i cinque giorni a disposizione per esprimere la propria preferenza. Durante la sua campagna elettorale, Lukashenko si è autodefinito garante della stabilità economica in un momento di crisi causato dagli scontri tra filo-russi e Ucraina. Venerdì 9 ottobre, l’Unione europea aveva annunciato che dopo il voto avrebbe revocato per quattro mesi le sanzioni imposte a gennaio 2011 alla Bielorussia, salvo eventuali scorrettezze da parte del governo. Le sanzioni erano scattate per punire il governo bielorusso responsabile, secondo la Commissione europea, di aver violato le norme elettorali e represso l’opposizione politica durante le presidenziali del 2010. 

– Israele: lunedì 12 ottobre, un palestinese è stato ucciso dalla polizia israeliana nei pressi della Porta dei Leoni, nella Città Vecchia di Gerusalemme, dopo che aveva provato ad accoltellare un membro dell’esercito dello stato d’Israele. Secondo le autorità israeliane, l’agente non avrebbe riportato ferite grazie alla protezione garantitagli dal giubbotto antiproiettile che stava indossando. Domenica, le autorità palestinesi avevano accusato Israele di aver ucciso un ragazzo di 13 anni e una donna durante un attacco che mirava a un magazzino d’armi di Hamas, in Cisgiordania. Secondo le agenzie locali, almeno 24 palestinesi e 4 israeliani avrebbero perso la vita negli scontri che vanno avanti da circa un mese.

– Russia: le autorità russe hanno annunciato l’arresto di un gruppo di persone che stava pianificando un attacco terroristico a Mosca. Gli investigatori hanno trovato 4 chilogrammi di esplosivo fatto in casa nell’appartamento di uno dei sospettati. La palazzina è stata evacuata per permettere agli artificieri di disinnescare la bomba. 

– Irlanda: un uomo ha ucciso a colpi di pistola un poliziotto e ferito la sua collega prima di suicidarsi, nella sera dell’11 ottobre, a Omeath, nel nord del Paese. Gli agenti sono stati colpiti dopo che avevano risposto a una chiamata per disturbo della quiete domestica. L’assassino, un dissidente repubblicano, era stato liberato su cauzione in attesa di essere giudicato per la sua presunta adesione all’Irish Republican Army (IRA), l’organizzazione militare clandestina sorta all’inizio del Novecento per liberare l’Irlanda dal dominio inglese.

Segui TPI su Twitter: (@tpi)

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/rjWYB9

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus