Me
Il sogno del bambino affetto da distrofia muscolare
Condividi su:

Il sogno del bambino affetto da distrofia muscolare

Luka ha chiesto a un fotografo di regalargli la possibilità di muoversi attraverso degli scatti speciali

05 Ott. 2015

Il fotografo sloveno Matej Peljhan ha utilizzato la sua fotografia illusionistica per fare un gesto di solidarietà: aiutare Luka, un bambino affetto da distrofia muscolare, a provare la sensazione di potersi muovere, anche se solo attraverso gli scatti di un professionista.

Matej ha assecondato il sogno di Luka senza ricostruire le immagini al computer, ma fotografando dall’alto il bambino con l’aiuto di pochi oggetti come cuscini, palline, dischi e qualche telo colorato, donandogli l’illusione di poter per una volta camminare, esplorare il mondo e mettersi nei guai.

Con il termine distrofia muscolare viene indicato un gruppo di gravi malattie neuromuscolari degenerative, che provocano l’atrofizzarsi progressivo dei muscoli e la perdita della possibilità di movimento.

Luka, il bambino protagonista delle foto, riesce a muovere soltanto le dita delle mani, con le quali aziona la sua sedia a rotelle elettrica, che gli consente di muoversi da solo.  

Il fotografo che ha creato la gallery per il bambino affetto da distrofia muscolare è particolarmente sensibile al tema delle malattie che limitano i movimenti, dato che lui stesso ha perso il braccio destro quando era giovane. 

Matej Peljhan, nato e cresciuto in Slovenia, all’età di dieci anni è rimasto infatti gravemente ferito a causa dell’esplosione di un ordigno risalente alla seconda Guerra mondiale. Durante l’incidente, oltre al braccio, Pelijhan ha riportato altre gravi lesioni, tra cui la perdita di un occhio.

I suoi studi nel campo della psicologia clinica gli hanno permesso di lavorare a stretto contatto con bambini affetti da differenti patologie, tra cui, appunto, Luka.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus