Me
I bambini delle acciaierie del Bangladesh
Condividi su:

I bambini delle acciaierie del Bangladesh

Nelle fabbriche di acciaio del Paese, dove la forza minorile è impiegata in maniera massiccia, il salario è inferiore a sette euro a settimana

05 Ott. 2015

Abdullah Hasan è nato e cresciuto a Chittagong, la seconda città del Bangladesh per numero di abitanti dopo la capitale Dhaka e primo porto commerciale del Paese. 

Nel suo racconto per immagini Too Hard To Melt, descrive la piccola realtà di un’acciaieria cittadina, dove il lavoro minorile è molto diffuso. Diversi ragazzi trascorrono le loro giornate alla fabbrica per una paga minima o in cambio di cibo. Il salario medio per un bambino si aggira intorno a 600 taka a settimana, meno di sette euro.

L’artista racconta che nelle fabbriche di acciaio della zona non sono rispettate nemmeno le condizioni minime di sicurezza e i lavoratori sono costantemente esposti al rischio di infortuni.

Chittagong ospita circa 40 acciaierie, concentrate soprattutto nella zona industriale di Maradpur. Molti dei lavoratori hanno tra i 9 e i 12 anni e sono migranti provenienti dal nord del Bangladesh.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus