Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Almeno 16 morti e tre dispersi nell’alluvione in Costa Azzurra

Secondo il presidente francese François Hollande, il bilancio delle vittime sarebbe ancora provvisorio

Immagine di copertina

Almeno 16 persone sono morte e tre sono state dichiarate disperse per le alluvioni che sono seguite ai temporali che nella notte di sabato 3 ottobre si sono abbattuti in Costa Azzurra.

Il bilancio delle vittime è stato dato dallo stesso presidente francese François Hollande che si è recato sul posto nella mattina di domenica. Hollande ha precisato che il numero dei morti potrebbe essere ancora provvisorio e parlando dei soccorsi ha aggiunto: “In questo momento dobbiamo essere, rapidi, efficaci e coordinati”.

Il disastro naturale si è abbattuto nel dipartimento delle Alpi marittime, tra Nizza e Cannes. Le operazioni di soccorso sono state rallentate e rese difficoltose dalla condizione delle strade nella zona, che si sono completamente allagate a causa dell’alluvione.

Nell’area delle Alpi Marittime, nella notte tra sabato e domenica, si è registrato il 10 per cento delle precipitazioni annue. In una notte, cioè, nell’area colpita è piovuto quanto di solito in tutto ottobre. 

Il collegamento ferroviario tra Tolone e Nizza rimarrà interrotto per tutta la giornata.

I soccorsi sono riusciti a far ripartire uno dei cinque treni con a bordo circa 2.500 italiani che stavano ritornando a casa dopo un pellegrinaggio a Lourdes. Nei vagoni dei cosiddetti “treni bianchi” viaggiavano numerosi malati e anziani, che hanno avuto bisogno di cure immediate. 

Anche i voli da e per Nizza sono al momento bloccati e, all’aeroporto francese, circa 500 passeggeri sono in attesa di sapere se potranno partire nelle prossime ore.

Secondo le autorità, ancora 35mila abitazioni a Nizza e 14mila a Cannes sarebbero senza elettricità e il Secours Populaire – l’associazione francese senza scopo di lucro che lotta contro la precarietà – ha lanciato un appello ai cittadini per intervenire attivamente nell’aiuto alle famiglie che hanno perso tutto a causa dell’alluvione.