Me

Ritrovare un padre fotografando i senzatetto

La fotografa hawaiana Diana Kim ha incontrato il padre, che l'aveva abbandonata da piccola, scattando foto tra i clochard di Honolulu

Immagine di copertina

La fotografa hawaiana Diana Kim, impegnata da quasi 10 anni in un progetto sui senzatetto di Honolulu chiamato “The Homeless Paradise”, ha incontrato per caso il padre, di cui aveva perso ogni traccia dopo il divorzio dei suoi genitori, tra i clochard della città.

Kim, nata e cresciuta sull’isola di Maui eredita la passione per la fotografia dal padre, che possedeva uno studio fotografico a Honolulu.

Dopo il divorzio dei genitori, Kim vive da parenti e amici, perdendo ogni contatto col padre.

Nel 2012, per puro caso, lo rincontra tra le strade di Honolulu. “Era estremamente magro, sporco e vestito di stracci” – racconta la figlia – ma soprattutto era malato di schizofrenia. 

Avendo abitato per anni ai margini della società, il padre di Diana Kim rifiuta inizialmente la proposta della figlia di ritornare a vivere in casa e cercare un lavoro.

Kim decide comunque di non abbandonarlo e continua a tornare a trovarlo e a portargli cibo.

“Spesso parlava da solo, sembrava litigare con qualcuno, ma non c’era nessuno con lui”, sono i racconti della figlia sulla schizofrenia del padre.

Dopo un attacco di cuore che lo colpisce nel 2014, però, l’uomo dà ascolto ai consigli della figlia e inizia le cure contro la schizofrenia e la malnutrizione, dando inizio così a una nuova vita.