Me

Un angolo di Marte sulla Terra

Un gruppo di ricerca della Nasa ha notato una forte analogia tra l'Islanda e Marte come quest'ultimo si presentava milioni di anni fa

Immagine di copertina

I gruppi di ricerca della Nasa stanno esplorando l’Islanda come terreno di esercitazioni per prepararsi ai prossimi atterraggi su Marte. Il Paese, famoso per i suoi paesaggi vulcanici, era già stato scelto come terreno di prova per la missione Apollo sulla Luna. 

Le immagini sono state realizzate dal gruppo di ricerca HiRise, riunitosi in Islanda per decidere sulla preparazione di un’eventuale prossima missione su Marte. A giudicare dai commenti condivisi dal team di esperti attraverso un post sulla loro pagina Tumblr, avrebbero trovato nell’isola il luogo adatto per la preparazione: “Se stai cercando un fantastico esempio di Marte sulla Terra, questo è il posto giusto” hanno commentato i tecnici.

Grazie alle innovazioni tecnologiche di HiRise i gruppi di ricerca sono riusciti a ottenere immagini della superficie di Marte mai così dettagliate, arrivando a distinguere le figure presenti sul pianeta rosso fino a un metro dalla superficie, mentre il telescopio spaziale che le ha scattate si trova a circa 150 miglia di distanza da Marte. 

Le fotografie, che aiuteranno nella scelta dei luoghi d’atterraggio della prossima missione, hanno confermato l’estrema somiglianza tra la superficie del pianeta rosso e il paesaggio islandese tanto da rendere difficile la distinzione tra i due paesaggi. 

In particolare, tra le varie zone esplorate, la regione del lago Myvatn, nel Nord Est dell’Islanda, caratterizzata da ampi altipiani centrali, campi di lava, aree geotermiche e odori solfurei, offre la possibilità, senza muoversi dalla Terra, di trovare uno scenario altrimenti lontano centinaia di milioni di chilometri nello spazio e milioni di anni nel passato, quando l’attività geologica su Marte era più attiva.

“In una delle escursioni di squadra, con l’odore di zolfo che si diffonde dalle sorgenti geotermiche e accumuli di fango ribollente, era così facile immaginare che questo potesse essere Marte, centinaia di milioni, forse un miliardo, di anni fa, prima che si trasformasse nel deserto che conosciamo oggi”. Ha commentato il team, “Chi lo sa, ci può essere stato il suono dello scorrere di acqua calda su Marte tutti quegli anni fa”.

E per la maggior parte degli abitanti del pianeta Terra, che non parteciperanno a una missione su Marte, il gruppo consiglia “Se potete, come direbbe Arnold Schwarzenegger, portate il vostro culo su Marte”.