Me
Cinque canzoni per ricordare Amy Winehouse
Condividi su:
amy winehouse canzoni

Cinque canzoni per ricordare Amy Winehouse

Il 14 settembre 1983 nasceva in un sobborgo di Londra la celebre cantante Amy Winehouse, morta nel 2011 in circostanze misteriose

23 Lug. 2018
amy winehouse canzoni

Il 14 settembre 1983, nasceva Amy Winehouse nel sobborgo di Southgate, a nord di Londra.

Cresciuta in una famiglia di religione ebraica, mostrò subito un carattere ribelle e un grande amore per la musica.

Nel 2003 debuttò con il suo primo album, Frank. La sua voce venne paragonata a quella delle grandi interpreti del soul. Nel 2006, con il suo secondo album, Back to Black, arrivò la definitiva consacrazione che la portò al successo su scala mondiale.

L’album d’esordio fu un grande successo nel Regno Unito e vendette complessivamente un milione e mezzo di copie, ma la fama mondiale le arrivò con il secondo disco. Nel 2008 la cantante vinse cinque Grammy Award.

Il 23 luglio 2011 venne trovata morta nella sua casa di Londra, in circostanze che non vengono chiarite nemmeno dall’autopsia. Al momento del decesso Amy Winehouse aveva 27 anni, cosa che la fa aggiungere a quella lista di artisti morti alla stessa età detta “club 27“.

Amy Winehouse è tuttora considerata la precorritrice nonché una delle principali interpreti del cosiddetto mondo del soul bianco, del quale fanno parte anche artiste come Adele e Duffy.

Ecco cinque canzoni per ricordarla.

1) Back to black 

2) Rehab

3) You know I’m no good

4) Tears dry on Their own

5) Love is a losing game

Per celebrare il 31esimo compleanno di Amy Winehouse, nel 2014 è stata svelata una statua di bronzo che la ritrae a grandezza naturale nel quartiere londinese di Camden Town, dove ha vissuto fino alla sua morte nel 2011.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus