Me

Dieci curiosità su Venezia 72

Si è concluso la 72esima Mostra del cinema di Venezia: dieci curiosità per ripercorrere l'edizione 2015

Immagine di copertina

Con l’ultimo red carpet al Palazzo del cinema si è conclusa la 72esima edizione della Mostra del cinema di Venezia: “Mi sono sentita in Venezuela, in America, sull’Everest. Torno a casa con un ricordo meraviglioso” ha commentato la modella italo-israeliana Elisa Sednaoui durante la cerimonia di chiusura. 

Ecco dieci cose da sapere su Venezia 72:

1. È il Sud America la nuova locomotiva del cinema internazionale. Il regista venezuelano Lorenzo Vigas con Desde Alla si è aggiudicato il massimo premio: il Leone d’oro per il miglior film. Era la prima volta che il Venezuela partecipava alla competizione. Il Leone d’argento per la miglior regia è andato invece al regista argentino Pablo Trapero con El Clan

2. “Sono contenta per me” ha scherzato Valeria Golino che si è aggiudicata la Coppa Volpi per la sua interpretazione della protagonista Anna nel film Per amor vostro, di Giuseppe Gaudino. Golino aveva già vinto il medesimo premio nel 1986 per Storia d’amore di Citto Maselli. Gli altri tre film italiani in concorso, Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio, A Bigger Splash di Luca Guadagnino e L’attesa di Piero Messina sono rimasti invece a bocca asciutta.

3. Fabrice Luchini ha vinto la Coppa Volpi per il miglior attore con il film L’Hermine di Christian Vincent, che ha ottenuto anche il riconoscimento alla migliore sceneggiatura.

4. Il Gran Premio della Giuria è andato alla pellicola americana Anomalisa di Charlie Kaufman e Duke Johnson. Il film è stato finanziato grazie a una raccolta fondi sul sito Kickstarter ed è la prima in stop motion ad essere presentata in concorso a Venezia.  

5. È stato un Festival del Cinema particolarmente musicale. Dal documentario di Amy Berg sulla cantante Janis Joplin, omaggiata da Gianna Nannini, al bagno di folla per Vasco Rossi arrivato al Lido per presentare il suo Decalogo.

6. La più elegante di Venezia 72 è l’attrice Tilda Swinton. Gli abiti che indossa nel film A Bigger Splash sono stati creati appositamente per lei da Dior, un brand francese di alta moda. Testimonial di Chanel, celebre fashion brand parigino, sul red carper ha sfoggiato un abito giallo sviluppato dallo stilista colombiano Haider Ackermann.

7. Polemiche sul look di Johnny Depp apparso visibilmente ingrassato e sciatto alla presentazione di Black Mass. Ad attenderlo c’erano centinaia di fan, molte delle quali rimaste deluse a tal punto da lanciare l’hashtag #‎LetterinaAJohnnyDepp‬ in cui si lamentavano dei chili di troppo dell’ex sex symbol.

8. Non sono mancati gli incidenti: la proiezione del film di apertura, Everest, a tal proposito è stata momentaneamente interrotta per problemi tecnici. Inoltre Durante Rabin, The Last Day, pellicola sul premier israeliano assassinato, non è stato tolto il telo che ricopriva i sottotitoli in inglese quindi il film scorreva solo nell’originale ebraico. Infine, grande assente il cortometraggio The Audition di Martin Scorsese, previsto alla manifestazione, che è stato cancellato per “motivi tecnici”. 

9. All’hotel Excelsior, alla cena inaugurale per il film di apertura Everest, l’attrice Nastassja Kinski ha tirato un bicchiere di vino rosso al giornalista del quotidiano italiano Il Corriere della Sera Valerio Cappelli, dicendogli: “La tua intervista faceva schifo”. Lui, prontamente, ha risposto al gesto tirandole dell’acqua sui capelli e ha replicato: “Impara a vivere”.

10. È stato un festival social. La modella Alessandra Ambrosio, ha documentato il suo arrivo all’Hotel Excelsior con uno scatto pubblicato sul social network dedicato alle fotografie Instagram, aggiungendo un commento in italiano: “ciao belli”.