Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

I Guardiani della foresta Amazzonica

Il fotografo Lunae Parracho ha immortalato la tribù amazzonica che si fa giustizia da sola contro i commercianti illegali di legna

Immagine di copertina

I Ka’apor sono una comunità indigena brasiliana che risiede da secoli nella foresta Amazzonica e che dal 2011 combatte una lotta in solitaria per difendere il proprio territorio dai commercianti illegali di legname, i quali trovano nelle risorse naturali dell’Amazzonia una ricca fonte di guadagno.

Si fanno chiamare Guardiani della foresta e per proteggere il proprio territorio non rinunciano a usare le maniere forti con i taglialegna che si arricchiscono illegalmente con il legname.

Per loro pattugliare e proteggere la Foresta Amazzonica non è solo un lavoro, ma una questione di identità e sopravvivenza.

Oltre alle armi tradizionali utilizzano anche gps e videocamere nascoste per monitorare le attività dei contrabbandieri e identificarne la posizione.

L’articolo su TPI: La tribù che protegge la Foresta Amazzonica brasiliana con arco, frecce e gps.

Il fotografo Lunae Parracho, nell’agosto del 2014 ha seguito la tribù dei Ka’apor durante i pattugliamenti nella foresta per respingere i trafficanti. Le immagini mostrano anche gli indigeni in atteggiamenti molto aggressivi nei confronti dei commercianti illegali, ma i membri della tribù si giustificano sostenendo di essere costretti a farsi giustizia da sé perché abbandonati dal governo brasiliano.