Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Separati a causa di una guerra già finita

Duecento membri di famiglie separate dalla guerra nel 1953 avranno modo di rivedere i propri cari in un raro incontro autorizzato dai governi delle due Coree

Immagine di copertina

È una striscia di terra lunga 250 chilometri e larga quattro – l’ultimo ricordo tangibile del periodo della Guerra fredda. La Zona demilitarizzata coreana, paradossalmente il confine più militarizzato al mondo, non separa soltanto Corea del Nord e Corea del sud, ma anche fratelli e sorelle, padri e figli.

La guerra tra le due Coree è finita nel 1953. Molte famiglie si sono separate pensando che sarebbero state lontane solo pochi giorni, il tempo di firmare un accordo, ma non si sono mai più riviste.

I loro governi gli hanno proibito di scambiarsi lettere, telefonate ed email. Alcuni non sanno neanche se i loro parenti dall’altro lato del confine sono ancora vivi.

Adesso, 200 persone appartenenti a famiglie divise alla fine della guerra avranno l’opportunità di rivedere i loro cari, o anche incontrarli per la prima volta.

La Corea del Nord e la Corea del Sud stanno infatti organizzando un incontro per queste famiglie, separate dal 1953. Gli incontri erano cominciati nel 1988 con cadenza annuale, ma sono diventati sempre più rari a causa delle tensioni nella penisola. All’epoca erano oltre 129mila i coreani che si erano registrati come membri di famiglie separate. Ad oggi ne resterebbero in vita soltanto 66mila. L’incontro di quest’anno avverrà ad un anno e mezzo di distanza dall’ultimo e si terrà dal 20 al 26 ottobre in un resort situato sul Monte Kumgang, in Corea del Nord.

Approfittando dei periodi di relativa quiete, più di 22mila coreani sono riusciti a partecipare a brevi incontri con i propri parenti del lato opposto: oltre 18mila lo hanno fatto di persona, e il restante tramite video. Nessuno inoltre ha avuto una seconda opportunità di rivedersi – riporta la Croce Rossa Coreana, che gestisce la logistica degli incontri.

Migliaia di persone fanno domanda all’organizzazione per partecipare. I richiedenti in genere hanno tra i 70 e gli 80 anni e sognano di riuscire a riabbracciare i propri cari prima della morte. Di questi, un computer ne seleziona 500 in modo casuale, tenendo conto delle loro età e del loro contesto familiare. La Croce Rossa intervista i candidati ed effettua gli esami medici per assicurarsi che siano idonei a viaggiare, portando la lista a quota 250. Poi verifica se i parenti dei prescelti siano ancora in vita, prima di presentare la lista definitiva di 200 persone – cento provenienti da ciascuna Corea.

La Corea del Sud da anni spinge per incontri più regolari e chiede l’aumento del numero dei partecipanti, ma la Corea del Nord sembra temere che una maggiore libertà di movimento all’interno della penisola e interazioni tra le due popolazioni potrebbero esporre i suoi abitanti ad influenze esterne e costituire una minaccia per il regime militare del Leader Supremo Kim Jong-un.