Me
Dieci curiosità su Black Mass, il nuovo film di Johnny Depp
Condividi su:

Dieci curiosità su Black Mass, il nuovo film di Johnny Depp

Depp interpreta il più famoso gangster di Boston nell'ultimo film di Scott Cooper. Dal Festival del cinema di Venezia

04 Set. 2015

Il D-Day è arrivato. Oggi alla 72esima edizione del Festival del Cinema di Venezia è il giorno di Johnny Depp. L’attore statunitense è sbarcato al Lido per presentare il film Black Mass – “L’ultimo Gangster. Il film fuori concorso diretto dal regista Scott Cooper, è uno dei più attesi della rassegna.

Esperto trasformista, il divo che passa dal ruolo di Jack Sparrow nella pellicola I pirati dei Caraibi, al cappellaio matto in Alice in Wonderland, adesso si cala magistralmente nei panni di uno dei gangster più famosi della storia: James Joseph Bulger, detto “Whitey”.

Freddo e privo di scrupoli, il gangster più famoso di Boston venne ingaggiato dall’agenzia investigativa Fbi come informatore, nella speranza di eliminare la mafia italiana presente nella città. 

Fratello di un senatore, interpretato dall’attore britannico Benedict Cumberbatch, Bulger approfitta dell’alleanza con i federali per liberarsi dalle bande concorrenti e consolidare il suo potere. 

Johnny Depp è a Venezia insieme agli attori Joel Edgerton, Kevin Bacon e alla star del film Cinquanta sfumature di grigio, Dakota Johnson. Assente invece Cumberbatch, impegnato in queste settimane a Londra con l’opera Amleto di Shakespeare.

In attesa del red carpet di questa sera – circondato da centinaia di fan accampate da più di 36 ore – ecco dieci curiosità su Black Mass:

1. La pellicola è ispirata al libro Black Mass: The True Story of an Unholy Alliance Between the FBI and the irish Mob, scritto dai giornalisti Dick Lehr e Gerald O’Neill.

2. Whitey Bulger, considerato il criminale più violento della storia di Boston, è stato condannato a due ergastoli per almeno 19 omicidi. Sulla sua testa c’era una taglia di due milioni di dollari, seconda solo a quella di Osama Bin Laden.

3. Ieri, 3 settembre 2015, Bulger ha compiuto in carcere 86 anni.

4. Per Johnny Depp è la terza volta nei panni di un gangster realmente esistito, dopo il ruolo di Joseph Pistone in Donnie Brasco (1997) – in cui Depp interpreta un agente dell’FBI infiltrato nella mafia, George Jung in Blow (2001) e John Dillinger in Nemico Pubblico (2009).

5. Per ragioni di salario, Johnny Depp aveva inizialmente deciso di rifiutare la parte. Poi cambiò idea, accettando di dimezzare il suo compenso abituale: da venti, a dieci milioni di dollari.

6. Depp, per prepararsi al ruolo, ha provato diverse volte a mettersi in contatto con Whitey Bulger, che ha sempre rifiutato.

7. Nel cast era presente anche l’attrice statunitense Sienna Miller, ma le sue scene sono state tagliate per dare più ritmo al film.

8. Da oltre quindici anni si parla della possibilità di una pellicola biografica su Bulger. Doveva dirigerla Barry Lavinson, premio Oscar per Rain Man, poi l’irlandese Jim Sheridan, affascinato dal fatto che Whitey avesse sovvenzionato con armi gli indipendentisti dell’IRA, l’Esercito repubblicano irlandese.

9. In Black Mass Johnny Depp è quasi irriconoscibile. Stempiato, con le lenti a contatto azzurre, biondo platino, ingrassato. “Volevo che fosse diverso da come lo conosciamo,” ha commentato il regista Scott Cooper, che aggiunge: “pur essendo la persona più gentile del mondo quando iniziavamo a girare metteva paura”.

10. Depp torna alla Mostra Cinematografica di Venezia dopo nove anni di assenza, accompagnato dalla neo moglie, la bionda texana Amber Heard. L’ultima volta dell’attore al Lido risale al 2007, anno in cui ha consegnato il Leone d’Oro alla carriera al regista e amico Tim Burton.

(In basso, il trailer del film Black Mass)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus