Me
Cosa è successo il 2 settembre nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 2 settembre nel mondo

Le notizie senza giri di parole su TPI

02 Set. 2015

Italia: la Corte di giustizia europea condanna la legge italiana che impone ai cittadini stranieri di pagare un contributo tra gli 80 e i 200 euro per il rilascio di un permesso di soggiorno. Il costo è “sproporzionato rispetto alla finalità e può creare ostacoli all’esercizio dei diritti,” ha dichiarato. 

– Yemen: due membri della Croce rossa internazionale (Icrc) sono stati uccisi mentre viaggiavano su un convoglio tra le città di Saada e Sana’a, nel nord dello Yemen. Un uomo avrebbe aperto il fuoco sul loro veicolo. L’attacco avviene poco più di una settimana dopo che alcuni uomini armati hanno fatto irruzione nella sede dell’organizzazione umanitaria nel porto di Aden, nel sud del Paese, ed è una delle almeno dieci violazioni di sicurezza recentemente subìte dall’Icrc. L’organizzazione è stata costretta a sospendere temporaneamente le sue operazioni nel Paese. 

– Ungheria: continuano le proteste dei circa 2mila migranti bloccati da due giorni fuori dalla stazione di Keleti, a Budapest, in Ungheria. Il governo ungherese sostiene di voler rispettare le norme Ue sulla questione dei richiedenti asilo e sta impedendo ai migranti di salire sui treni diretti in Germania e altri Paesi europei, nonostante questi ultimi siano già in possesso dei biglietti per il viaggio. I ministri degli Esteri di Italia, Germania e Francia, nel frattempo, hanno sottoscritto un documento nel quale chiedono “una forte risposta europea alla crisi” e la revisione delle attuali regole europee in materia di asilo, in vigore da ormai 25 anni.

– Guatemala: il congresso ha deciso di revocare l’immunità al presidente Otto Fernando Pérez Molina, indagato all’interno di uno scandalo di corruzione di milioni di dollari che ha scosso il Paese e scatenato proteste per chiedere le sue dimissioni. Al Presidente è ora vietato lasciare il Paese e potrebbe essere rilasciato a breve un mandato per il suo arresto. L’evento avviene 12 giorni dopo che la Commissione internazionale contro l’impunità in Guatemala lo ha denunciato e ha ordinato il carcere per l’ex vicepresidente Roxana Baldetti. 

– Ucraina: un bambino di 4 anni e un altro di soli 10 mesi sono rimasti paralizzati nella prima epidemia di poliomielite registrata in Europa in cinque anni, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Potrebbero essere stati infettati anche altri bambini, visto che in Ucraina solo la metà è completamente vaccinata. L’Oms avvisa dell’alto rischio di diffusione del virus nel Paese e sostiene che l’epidemia debba essere controllata rapidamente.

Segui TPI su Twitter (@tpi

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus