Me

Due giornalisti britannici accusati di terrorismo in Turchia

La Turchia ha arrestato due giornalisti di Vice News con l'accusa di aver collaborato con l'organizzazione terroristica dello Stato Islamico

Immagine di copertina

Due giornalisti britannici e la loro guida irachena sono stati formalmente accusati di aver collaborato con un’organizzazione terroristica da parte della corte di Diyarbakir, nel sudest della Turchia.

Jake Hanrahan, Philip Pendlebury e Mohammed Ismael Rasool sono stati arrestati giovedì 27 agosto mentre riprendevano gli scontri tra la polizia turca e alcuni militanti curdi per conto di Vice News, proprio nei pressi della città di Diyarbakir. I tre uomini sono stati interrogati e hanno dichiarato la propria innocenza, aggiungendo che non appartengono a nessuna organizzazione terroristica e che si trovavano sul luogo dell’arresto solamente per documentare gli eventi in corso.

Inizialmente, è stato riferito che i tre uomini arrestati fossero accusati di collaborazione con i militanti del Pkk, il Partito dei Lavoratori curdo che da anni si oppone al governo turco per chiedere autonomia. La polizia turca ha però affermato che l’organizzazione terroristica in questione è quella dell’Isis.

Vice News ha fortemente criticato il governo turco, accusandolo di voler impedire la diffusione delle notizie e dei fatti che accadono in quell’area del Paese, in cui militanti curdi e forze dell’ordine si scontrano violentemente.

Anche molte organizzazioni legate ai diritti umani e alla libertà di stampa, tra cui le ong Amnesty International e PEN International e l’organizzazione per la libertà di stampa CPJ – Committee to Protect Journalists – hanno condannato la decisione della corte di Diyarbakir, richiedendo la liberazione immediata dei giornalisti.