Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Sparatoria durante la manifestazione a Ferguson

Un uomo, che ha sparato contro la polizia durante una protesta a Ferguson, è stato a sua volta colpito dagli agenti e si trova ora in condizioni gravi

Immagine di copertina

Durante una protesta a Ferguson, nello stato americano del Missouri, in occasione dell’anniversario dell’uccisione di Michael Brown, ci sono stati violenti scontri tra i manifestanti e la polizia.

Secondo quanto riporta la Bbc, un uomo ha sparato contro alcuni poliziotti. Nello scontro a fuoco che ne è seguito gli agenti hanno ferito due uomini, tra cui l’aggressore, che ora si trova ricoverato in gravi condizioni e sta subendo un’operazione chirurgica.

L’uomo non è ancora stato identificato, ma la polizia ha riferito che possedeva una pistola rubata.

Gli scontri sono avvenuti la notte del 9 agosto, alle 23 ora locale. Per ore la protesta si è svolta in maniera pacifica, finché alcune persone hanno iniziato a tirare oggetti contro le forze dell’ordine e rompere le vetrine di alcuni negozi.

La manifestazione era stata organizzata per commemorare Brown, diciottenne afroamericano che fu ucciso dalla polizia il 9 agosto 2014, nonostante fosse disarmato. La sua morte scatenò violente proteste contro le forze dell’ordine statunitensi, accusate di violenze ingiustificate nei confronti degli afroamericani.

— Leggi anche: La città di neri governata da bianchi