Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa resta di Srebrenica

Ventuno anni fa, nel cuore dell'Europa, si compiva il massacro più brutale e sanguinoso dalla fine della seconda guerra mondiale

Immagine di copertina

Per non lasciare traccia della carneficina, i corpi delle vittime furono smembrati e i resti furono sotterrati in diversi punti lontano dal luogo del massacro. I resti di 1.200 uomini non sono ancora stati ritrovati.

Dall’11 al 14 luglio del 1995, a Srebrenica, cittadina nell’attuale Bosnia ed Erzegovina, oltre 8.300 uomini e ragazzi bosniaci – in gran parte musulmani – furono sterminati dall’esercito serbo-bosniaco. Le donne e i bambini furono risparmiati ma furono costretti a fuggire.

A ventuno anni di distanza, il genocidio di Srebrenica è una ferita ancora aperta nel cuore della Bosnia.

– Leggi anche: Il genocidio di Srebrenica