Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Oltre mille prigionieri fuggiti da un carcere in Yemen

Fra i detenuti che sono scappati da una prigione nel sudovest dello Yemen ci sarebbero anche alcuni criminali sospettati di avere legami con al-Qaeda

Immagine di copertina

Circa 1.200 prigionieri, compresi alcuni criminali sospettati di avere legami con al-Qaeda, sono evasi in massa dal carcere di Taiz, nel sudovest dello Yemen.

Ci sono stati scontri prima che i detenuti riuscissero a fuggire, anche se non è ancora chiaro come siano riusciti a scappare.

L’agenzia di stampa statale yemenita Saba riferisce che il carcere sarebbe stato vittima di un attacco da parte di alcuni sostenitori di al-Qaeda.

L’Associated Press riporta invece che gli scontri avvenuti all’interno della prigione si sarebbero verificati tra i ribelli sciiti Houthi e altre fazioni a loro avverse.

L’evasione dalla prigione di Taiz del 30 giugno è il terzo caso in cui i detenuti riescono a fuggire da un carcere in Yemen da quando, il 26 marzo del 2015, è iniziata la campagna militare internazionale condotta dall’Arabia Saudita per fermare l’avanzata dei ribelli sciiti Houthi nel Paese, che da diversi mesi si trova nel caos.

— Leggi la storia: Uccisi dai droni americani