Me

Dentro le stanze delle ragazze

Le camere da letto a confronto di alcune ragazze che vivono, tra il Libano e gli Stati Uniti, in condizioni molto diverse. Il fotoreportage di Rania Matar

Immagine di copertina

Rania Matar è una fotografa di origini libanesi che vive negli Stati Uniti dal 1984. Il suo progetto fotografico, A Girl and Her Room, ritrae ragazze adolescenti nelle loro camere da letto, tra il Libano e gli Stati Uniti.

Secondo Matar, la stanza di una ragazza è l’estensione diretta della sua personalità, in particolar modo durante la fase cruciale dell’adolescenza. “A quell’età le ragazze sono particolarmente vulnerabili. Cercano soltanto di essere accettate, di capire chi sono e come vogliono presentarsi al mondo”, ha raccontato. 

Indipendentemente dal fatto che si trovino nel centro di Boston o in un campo profughi del Libano, le stanze da letto sono l’unico luogo dove si può esercitare una forma di indipendenza. “Il mondo esterno sembra imporre mille imposizioni, ma la camera da letto è l’unico spazio dove sono le ragazze a scegliere e ad avere il controllo”.

Le stanze messe a confronto sono diversissime fra loro, ma quello che accomuna tutti i soggetti delle fotografie di Matar è il fatto che si tratti sempre e comunque di ragazze in un difficile periodo di transizione.