Me

Il muro dell’Ungheria per fermare i migranti

L'Ungheria ha detto di voler costruire un muro di 175 chilometri al confine con la Serbia, per non far entrare i migranti nel Paese

Immagine di copertina

“Nessuno costruisce muri in un mondo moderno, e specialmente non in Europa”. Questo è quello che ha detto il primo ministro serbo Aleksandar Vucic, in seguito alla decisione dell’Ungheria di arginare il flusso di migranti irregolari nel Paese attraverso la costruzione di un muro al confine con la Serbia.

La costruzione della recinzione, alta quattro metri e lunga 175 chilometri, è stata annunciata dal ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto, durante una conferenza stampa tenutasi il 17 giugno.

“I Paesi dell’Unione Europea stanno cercando una soluzione al problema dell’immigrazione, ma l’Ungheria non può permettersi di aspettare ulteriormente”, ha dichiarato Szijjarto.

Dal 2004 l’Ungheria fa parte dell’area Schengen, all’interno della quale si può circolare liberamente senza controlli di frontiera. Secondo l’ufficio immigrazione ungherese, solo nel 2015, 57mila persone sarebbero entrate in Ungheria illegalmente, rispetto alle 43mila totali del 2014.

L’Ungheria è un Paese di transito per migliaia di migranti provenienti dal Medio Oriente e dall’Africa che entrano in Europa attraverso i Balcani. Per la maggior parte di loro, il viaggio non finisce in Ungheria, ma continua verso l’Europa occidentale.

La portavoce dell’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite Kitty McKinsey ha condannato la costruzione del muro. “Il diritto di chiedere asilo è un diritto umano inalienabile”, ha detto alla Reuters. “Siamo preoccupati che la costruzione del muro possa porre un ulteriore ostacolo al raggiungimento di questo diritto”.

Ma Szijjarto non sembra essere intimidito da questi commenti: “La barriera non violerà alcun accordo internazionale e naturalmente informeremo i nostri colleghi serbi sui dettagli”, ha detto. Szijjarto inoltre ha aggiunto che vuole che i lavori preparatori siano terminati entro una settimana.

L’Ungheria non è il primo Paese europeo ad attuare un piano simile. La Bulgaria ha già costruito una barriera lungo parte del suo confine con la Turchia, per limitare i flussi migratori.


Da sapere

– L’Ungheria è un paese dell’Europa centrale privo di sbocchi sul mare. Confina con Slovacchia, Romania, Serbia, Croazia, Austria e Ucraina.

– La capitale dell’Ungheria è Budapest.

– Ha una popolazione di circa 10 milioni di abitanti.

– Nel 2014 l’Ungheria ha accolto 43mila rifugiati, un numero pro capite più alto di qualsiasi altro Paese dell’Ue, fatto salvo per la Svezia.