Me

Vivere per le strade di New York a vent’anni

Un fotografo californiano immortala i giovani senzatetto e insegna loro l'arte della fotografia, aiutandoli a costruirsi una vita migliore

Immagine di copertina

Nel 2014 il fotografo californiano Alex Fradkin, di base a New York, ha dato vita a un progetto fotografico in collaborazione con l’organizzazione no-profit americana Reciprocity Foundation. Dal 2005 l’associazione aiuta giovani newyorkesi senza fissa dimora, tra i 15 e i 23 anni, a esprimere il loro potenziale e migliorare le proprie condizioni di vita.

Il progetto di Fradkin si intitola See Me: Picturing New York’s Homeless Youth e ritrae i ragazzi senzatetto che vivono per le strade di New York o in alloggi provvisori. Le foto sono state raccolte in un libro omonimo.

Molti dei ragazzi sono afro-americani o appartenenti alla comunità Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) e spesso provengono da difficili situazioni familiari. Sono pochi coloro che hanno avuto la fortuna di trasferirsi in alloggi popolari, che garantiscono più sicurezza e una migliore qualità di vita.

I soggetti dei ritratti, che Fradkin segue da tempo e a cui ha insegnato l’arte della fotografia, hanno avuto la possibilità di decidere come e dove volevano essere immortalati. Ecco perché molti di loro hanno scelto come sfondo luoghi in cui si sentono a casa, pur non avendone una.