Me

Il ritorno di Samantha Cristoforetti sulla Terra

Dopo 200 giorni nello spazio, l'astronauta italiana Samantha Cristoforetti l'11 giugno 2015 è tornata sulla Terra

Immagine di copertina

Dopo 200 giorni nello spazio, l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti l’11 giugno 2015 è tornata sulla Terra. Insieme ai colleghi, l’americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov, ha lasciato la Stazione Spaziale Internazionale a bordo della navetta Soyuz. L’atterraggio è avvenuto alle ore 19.43, nelle steppe del Kazakistan (15.43 ora italiana). Il viaggio di ritorno è durato circa tre ore e mezza.

L’astronauta sarebbe dovuta tornare il 14 maggio, ma a causa di un problema tecnico era stata costretta a rimandare la partenza.

Cristoforetti è un’ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare Italiana con il grado di Capitano. Con questa missione, Cristoforetti ha guadagnato diversi record: è la prima donna italiana nello spazio, l’astronauta donna rimasta in orbita per più tempo e l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Italiana che è stata più a lungo nello spazio

Il lancio della sua prima missione è avvenuto a bordo della navicella Soyuz il 23 novembre 2014, alle 22.01 ora italiana, dal cosmodromo russo di Baikonur, in Kazakistan.

Samantha Cristoforetti è la seconda italiana a raggiungere la Stazione spaziale internazionale in sole sei ore. Prima di lei, nel maggio del 2013, Luca Parmitano aveva compiuto il viaggio fino alla stazione orbitale nella missione di lunga durata dell’Agenzia spaziale italiana.

La missione di Samantha Cristoforetti è costata complessivamente 100 miliardi, stanziati da Russia, Stati Uniti, Canada, Giappone e altri Paesi europei che fanno parte dell’Agenzia Spaziale Europea.

— Leggi anche: Diario dallo spazio