Me

I contadini che sposano tante mogli per farsi portare l’acqua

Nel villaggio di Denganmal, in India, non arriva acqua potabile. Per questo gli uomini si trovano delle mogli che trasportino l'acqua per le loro famiglie

Immagine di copertina

Nel villaggio di Denganmal, nello stato federale del Maharashtra, nell’India centro-occidentale, l’acqua non arriva. L’unica acqua potabile proviene da due pozzi ai piedi di una collina rocciosa lì vicino, un luogo talmente affollato che la camminata e l’attesa sotto il sole possono richiedere ore.

Per molti uomini del villaggio, che si trova a circa 140 chilometri da Mumbai, la soluzione al problema dell’approvvigionamento dell’acqua è stato quello di trovarsi una o più mogli, sfruttate principalmente per andare a prendere e farsi portare l’acqua. Sakharam Bhagat, un abitante del villaggio di 66 anni, ha tre mogli, due delle quali prese in sposa solo per assicurarsi che la sua famiglia avesse acqua potabile e qualcuno che cucinasse.

“Avevo bisogno di qualcuno che ci portasse l’acqua, e il matrimonio era l’unica opzione,” racconta Bhagat, che lavora come bracciante in una fattoria di un villaggio vicino. “La mia prima moglie era impegnata con i bambini. Quando la mia seconda moglie si ammalò e non poteva più andare a prendere l’acqua, ne sposai una terza.”

Le mogli di Bhagat vivono tutte nella stessa casa insieme a lui, ma hanno camere e cucine separate. Due di loro hanno il compito di andare a prendere l’acqua mentre la terza si occupa di cucinare. Bhagat dice che le donne, alcune delle quali vedove o abbandonate, sono felici di questa condizione.

“Siamo come sorelle. Ci aiutiamo l’una con l’altra,” spiega la prima moglie di Bhagat, Tuki. “Alcune volte possono crearsi dei problemi, ma li risolviamo tra di noi”. La poligamia è illegale in India, ma nel villaggio di Denganmal le mogli per l’acqua sono un elemento comuneBhagat e la sua famiglia stanno affrontando le durissime conseguenze di una carenza d’acqua potabile nei villaggi indiani, e anche del più pesante periodo di siccità che lo stato del Maharashtra, in cui vivono, abbia mai dovuto affrontare nell’ultimo decennio.

Il Maharashtra è il terzo stato federale per estensione e il secondo per popolazione in India. Le stime del governo risalenti all’anno passato indicano che più di 19mila villaggi non hanno accesso all’acqua. Quest’anno l’India è nuovamente a rischio di siccità, e lo è ancor di più dal momento che le piogge monsoniche saranno più deboli del solito.

A Denganmal, un conglomerato di circa cento case con il tetto di paglia che si estende su un tratto di terra arida, la maggior parte degli uomini lavora come bracciante nelle fattorie, intascando a malapena il salario minimo. Secondo quanto dicono gli abitanti, da molti anni a questa parte, ormai sposarsi per l’acqua è divenuta la norma nel villaggio. “Non è facile mantenere un’intera famiglia quando manca l’acqua”, dice Namdeo, un altro abitante del villaggio che ha due mogli.