Me

Un leader dell’Isis è stato ucciso

Un alto comandante dell'Isis, Abu Sayyaf, è stato catturato e ucciso in un raid condotto dagli Stati Uniti nell'est della Siria

Immagine di copertina

Un raid condotto dalla coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha causato la morte di un comandante di alto livello dell’Isis, Abu Sayyaf. L’attacco è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato nell’est della Siria.

Lo ha dichiarato il segretario della Difesa degli Stati Uniti Ash Carter. Il comandante dell’Isis sarebbe stato a capo delle operazioni di gas e petrolio per lo Stato Islamico, e secondo le prime ricostruzioni rivestiva un ruolo di primo piano ai vertici del gruppo terroristico.

Il comandante Abu Sayyaf è stato catturato e ucciso. La moglie, Umm Sayyaf, è stata catturata e trasferita in Iraq per essere interrogata.

Le truppe americane coinvolte nel raid hanno fatto ritorno in Iraq senza subire vittime. Insieme al comandante dell’Isis, hanno perso la vita almeno dodici miliziani dello Stato Islamico. 

Leggi: cos’è l’Isis, spiegato senza giri di parole