Me

Cosa indossava Frida

Le fotografie che ritraggono gli oggetti personali di Frida Kahlo rimasti sigillati per cinquant'anni dopo la sua morte, in una mostra a Londra

Immagine di copertina

In seguito alla morte di Frida Kahlo, avvenuta il 13 luglio 1954 dopo molti anni di sofferenza, il pittore e suo compagno messicano Diego Rivera decise di custodire tutti i suoi oggetti nel bagno della casa dove vivevano, a Città del Messico.

La dimora è da sempre stata conosciuta come La Casa Blu, a causa dell’intenso blu elettrico di cui sono dipinte le sue pareti esterne. Oggi è anche la sede del Museo di Frida Kahlo.

Il compagno di Frida Kahlo chiese esplicitamente che la stanza che conteneva le memorie della moglie non venisse aperta per i quindici anni successivi alla morte dello stesso Rivera, avvenuta nel 1957. Ciononostante, quel bagno non fu aperto addirittura fino al 2004, quando il museo incaricò la fotografa giapponese Miyako Ishiuchi di ritrarne l’intimo contenuto.

Le fotografie scattate da Ishiuchi saranno esposte in una mostra presso la Michael Hoppen Gallery, a Londra, dal 14 maggio al 12 luglio 2015.