Me

Arrestati due presunti scafisti

Il capitano della nave naufragata nel Canale di Sicilia e un membro dell'equipaggio sono stati arrestati. Sono accusati di omicidio colposo plurimo

Immagine di copertina

Due superstiti del naufragio dell’imbarcazione nel Canale di Sicilia, avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 aprile, sono stati arrestati.

Si tratta del capitano della nave, tunisino, e di un membro dell’equipaggio, di origine siriana, che erano alla guida del peschereccio ribaltatosi nel Mediterraneo.

Gli uomini, arrivati a Catania tra i superstiti, sono ora accusati di omicidio colposo plurimo, naufragio e favoreggiamento d’immigrazione clandestina.

Secondo quanto dichiarato dai rappresentanti dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) e dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, le vittime del naufragio sarebbero almeno 800.

A identificare i due presunti scafisti sono state alcune persone sopravvissute, giunte a Catania a bordo della nave Gregoretti.

Fondamentale è stata la testimonianza di un giovane superstite, proveniente del Bangladesh, che ha riconosciuto i due uomini come responsabili della nave, come riferito dal procuratore di Catania Giovanni Salvi.

Lo stesso migrante aveva rivelato ieri la possibilità che sul barcone ci potessero essere fino a 950 persone, molte delle quali chiuse nella stiva della nave.