Me

Fare le cose da femmina

Uno spot mostra come le donne siano spesso vittime del loro stesso pregiudizio

Immagine di copertina

Arriva un momento in cui le donne smettono di sentirsi sicure di loro stesse. Un momento in cui cominciano a sentirsi inferiori agli uomini. In cui cominciano a credere, e di conseguenza a vivere, negli stereotipi che la società ha creato per loro.

Uno spot realizzato per l’azienda di prodotti per l’igiene intima femminile Always della multinazionale Procter & Gamble mostra lo stacco tra il prima e dopo di quel momento, ovvero l’arrivo della pubertà. 

Lo spot mostra due gruppi di ragazze – il primo di adolescenti, il secondo di bambine al di sotto dei dieci anni – cui è stato chiesto di mimare delle azioni da femmina. Più sono grandi le ragazze, più le loro azioni sono cariche di pregiudizio di genere.

Quando viene chiesto loro di correre da femmina, corrono senza energia, gesticolando a vuoto. Se viene chiesto loro di lanciare da femmina, lanciano senza forza, con fare disinteressato. “Lotta da femmina“, e loro mimano schiaffi e fingono di tirarsi i capelli. 

Con la campagna #LikeAGirl, Always ha intenzione di incoraggiare le ragazze a essere loro stesse e rimanere coerenti crescendo, continuando a credere che correre da femmina significhi “correre più veloce che puoi”.