Me

I passaporti più potenti al mondo

Il passaporto britannico garantisce l'accesso a 147 Paesi, quello italiano a 144, mentre il passaporto del Myanmar consente di viaggiare solo in 28 stati

Immagine di copertina

Il passaporto è uno strumento potente, che permette a chi lo
possiede di attraversare le frontiere senza dover ricorrere alla lunga procedura burocratica della richiesta di un
visto. Ma alcuni passaporti sono più potenti di altri.

L’Arton Capital, una società che si occupa di inserire
i clienti in programmi di acquisizione della cittadinanza, ha stilato una
classifica dei Paesi i cui passaporti sono più utili a chi li possiede.

L’elenco si basa sul numero di Stati che è possibile visitare
con ogni passaporto senza visto o ricevendo un visto al momento dell’arrivo.

I Paesi i cui cittadini hanno maggiore libertà di movimento
sono gli Stati Uniti e il Regno Unito, il cui passaporto dà accesso a 147 Stati del mondo. Subito dopo vengono Francia, Corea del Sud e Germania, i cui cittadini
possono muoversi liberamente in 145 Paesi.

L’Italia si è aggiudicata il terzo
posto, a pari merito con la Svezia, dal momento che i suoi cittadini possono viaggiare in 144 Stati del mondo.

In fondo alla classifica ci sono il Myanmar, il Sudan del
Sud e i territori palestinesi, insieme a piccoli Stati come São Tomé e Príncipe,
un arcipelago al largo dell’Africa occidentale e le Isole Salomone, nel
Pacifico meridionale. Possedere un passaporto di uno di questi Paesi garantisce l’accesso solo a 28 Stati del mondo.

L’intera classifica è consultabile attraverso una grafica.