Me

Cinque scene di Quentin Tarantino

Cinque scene cult del regista americano Quentin Tarantino, nato il 27 marzo 1963

Immagine di copertina

Il regista statunitense Quentin Tarantino è nato a Knoxville, nello stato americano del Tennessee, il 27 marzo 1963.

A partire dagli anni Novanta, ha raggiunto un notevole successo cinematografico, tanto da venire definito dal regista e critico cinematografico Peter Bogdanovich “il più influente regista della sua generazione”.

I film di Tarantino, oltre ad aver ricevuto negli anni numerosi riconoscimenti – tra cui i premi Oscar per le sceneggiature di Pulp Fiction e Django Unchained –, vantano un pubblico molto affezionato, anche a causa di alcuni dettagli ricorrenti nei suoi film che risultano essere veri e propri marchi di fabbrica del regista.

I dialoghi molto lunghi, l’uso di marche inventate – come il Big Kahuna Burger – per numerosi prodotti presenti nei film, le citazioni nascoste, il montaggio che non segue lo svolgimento cronologico dei fatti: sono fattori ricorrenti che hanno contribuito a rendere i film di Tarantino veri e propri cult.

Qui ci sono cinque scene tratte da alcuni dei film del regista

1. Pulp Fiction – Ezechiele, 25, 17…


2. Bastardi senza gloria – I bastardi si fingono italiani


3. Le Iene – La mancia


4. Django Unchained – Doctor Schultz e il marshall

5. Kill Bill – Beatrix vs Gogo