Me

Vite parallele, la doppia esistenza delle persone affette da disturbi bipolari

Un'americana ha raccontato la doppia vita che alcune persone affette da disturbi bipolari conducono ogni giorno nell'indifferenza

Immagine di copertina

Per molti anni Liz Obert si è svegliata, si è vestita ed è andata a lavoro come se tutto fosse normale. Ma quando tornava a casa, si sentiva depressa, senza speranza e piena di paure.

A vent’anni le è stata diagnosticata la depressione. Da quel momento ha fatto uso di farmaci che però, almeno inizialmente, non sembravano funzionare.

Finché, nel 2009, una psichiatra le ha diagnosticato un disordine bipolare di secondo tipo e le ha prescritto degli stabilizzatori per l’umore.

Così, anche se da allora ha dovuto cambiare farmaco un paio di volte, per la maggior parte del tempo Liz è stata bene.

GUARDA LE IMMAGINI: LA DOPPIA VITA DELLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBI BIPOLARI

“Come ogni persona che soffre di disturbo bipolare di secondo tipo, conduco una doppia vita”, ci ha raccontato in un’intervista su Skype.

“Non ho alcun problema a dire che conduco una vita parallela: ho una personalità che la gente vede tutti i giorni, e un’altra che si nasconde dal mondo”.

Molte altre persone che soffrono di depressione e bipolarismo hanno la stessa esperienza. Per questo, nel 2013 Liz ha deciso di realizzare una serie fotografica sul tema intitolata Dualities.

LA DEPRESSIONE SPIEGATA CON UN VIDEO 

Liz ha voluto mostrare concretamente cosa vuol dire far buon viso a cattivo gioco. Gli scatti volevano essere un’occasione per affrontare il tema delle diverse forme di depressione.

Così ha cominciato da se stessa. Ha preso due foto che la ritraevano: una mostrava la persona che lei sceglie di presentare al mondo, l’altra mostrava la sua vita quando è da sola e si sente depressa.

Con il tempo ha iniziato a fotografare altra gente che soffriva di malattie simili.

“Anche se a 5,7 milioni di americani adulti viene diagnosticato un disturbo bipolare e circa 14,8 milioni sono affetti da depressione, questi disturbi sono spesso fraintesi”, dice Liz.

“Quando ho iniziato questo progetto, ho scoperto che un sacco di persone non hanno una visione chiara di cosa sono il bipolarismo e la depressione. Il bipolarismo in particolare. Penso che il mondo abbia ancora bisogno di essere educato su questo tema”, ha scritto via email.

Il bipolarismo o la depressione maniacale sono caratterizzati da cambiamenti di umore radicali che oscillano da una fase maniacale a una fase depressiva. La maggior parte dei soggetti vengono ricoverati in ospedale almeno una volta durante la loro vita.

Il bipolarismo del secondo tipo è invece una malattia più lieve in cui le persone, perlopiù, soffrono di fasi depressive, con episodi maniacali meno gravi.

“Tutti questi disturbi hanno un effetto estremamente dirompente per le relazioni e il lavoro delle persone”, spiega Liz. “Ma molte si uniscono al resto della società e si camuffano da persone normali“.

Per vedere la photogallery con le foto di Liz Obert clicca qui 

(Qui la pagina Facebook di Liz Obert) 

Campagna regione lazio