Me

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

Immagine di copertina

Bangladesh: un traghetto è affondato sul fiume Padma dopo essersi scontrato con una nave mercantile. A bordo c’erano 150 passeggeri, i morti sono almeno 70.

– Egitto: l’attivista e blogger Alaa Abdel Fattah è stato condannato a 5 anni di carcere per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata. Insieme a lui sono state condannate altre 24 persone con pene tra i 3 e i 15 anni.

– Fisco: è stato raggiunto un accordo tra Italia e Svizzera che pone fine al segreto bancario. Il premier Renzi: “miliardi di euro ritornano allo Stato italiano”.

– Francia: ha schierato la portaerei Charles de Gaulle nel Golfo Persico per fronteggiare l’Isis. Ora gli aerei impiegheranno metà del tempo per raggiungere l’Iraq.

– Thailandia: 2 studenti sono stati condannati a 2 anni e mezzo di carcere per avere insultato la monarchia durante una recita universitaria.

– Spagna: registrato un terremoto di magnitudo 5 a ovest di Albacete, nel sud del Paese.

– Bahrein: arrestate 7 persone sospettate di voler compiere atti terroristici nel Paese.

– Russia: nel 2015, le spese militari verranno ridotte del 10 per cento.

– Pakistan: Maria Golovnina, responsabile di Reuters in Pakistan e Afghanistan, è stata trovata morta nella sua abitazione a Islamabad. Sono in corso le indagini per scoprire la causa del decesso.

– Ucraina: l’esercito non ritirerà le armi pesanti dal confine fino a quando i separatisti filorussi non cesseranno la propria offensiva. Nelle ultime 24 ore, sono morti 2 soldati ucraini e altri 10 sono rimasti feriti.

– Maldive: l’ex presidente Mohamed Nasheed è stato arrestato con l’accusa di terrorismo.

– Corea del Nord: esclusi i corridori stranieri dalla classica maratona di aprile per timori legati al virus ebola.

– Siria: in cinque mesi, i bombardamenti americani hanno causato la morte di 1.600 persone.

– Nigeria: una bambina di 7 anni si è fatta esplodere in un mercato nel nord est del Paese causando la morte di almeno 5 persone.