Me

Vaccino contro l’Hiv per i macachi

Un nuovo farmaco messo a punto da scienziati americani riesce a bloccare tutti i ceppi di Hiv che infettano i macachi

Immagine di copertina

Mercoledì 18 febbraio un team di scienziati ha annunciato di aver messo a punto un nuovo farmaco in grado di bloccare tutti i ceppi del virus Hiv nei macachi.

La variante di immunodeficienza che interessa questa specie di animali è particolarmente simile a quella che infetta gli esseri umani.

Per questa ragione, gli scienziati auspicano di poter utilizzare le ultime scoperte mediche per curare gli esseri umani.

Durante gli esperimenti condotti dagli scienziati, alle scimmie è stato iniettato il farmaco mediante tecniche di terapia genetica.

Quindi, i macachi sono stati sottoposti ad alte dosi del virus Hiv per un periodo di 8 mesi. Il risultato è che nessuno degli animali coinvolti nello studio ha contratto il virus.

“Il farmaco da noi sviluppato è l’inibitore con gli effetti più ampi e potenti che è stato creato fin qui”, ha dichiarato Michael Farzan, lo scienziato americano a capo del team di ricercatori, che comprendeva studiosi provenienti dalla Harvard Medical School e dal Florida’s Scripps Research Institute.

“A differenza degli anticorpi, che non riescono a neutralizzare il ceppo Hiv-1, la nostra proteina si è dimostrata efficace contro tutti i ceppi su cui è stata testata, aumentando le probabilità che possa essere sfruttata come vaccino per l’Hiv”, ha detto Farzan.