Me

Dentro un bordello del Bangladesh

Le ragazze che ci lavorano sono più di 750, molte delle quali minorenni. Sono costrette a drogarsi per attirare più clienti

Immagine di copertina

Hashi è una ragazza di 17 anni. Lavora nel bordello di Kandapara, in Bangladesh.

Ogni giorno riceve in media tra i 15 e i 20 clienti, e guadagna tra i 7,5 e i 9,5 euro. Non ha un vero e proprio marito o compagno, ma ha quello che viene chiamato babu, ovvero colui che gestisce gli affari e la protegge in cambio di prestazioni sessuali.

Hashi, come molte altre sue colleghe coetanee, fa uso di Oradexon, uno steroide usato dagli allevatori per far ingrassare i bovini. Le ragazze come Hashi lo prendono invece per sembrare più sane e attirare i clienti.

Le prostitute di Kandapara vivono in condizioni di estrema povertà e alcune di loro sono sfruttate sessualmente già da quando hanno 12 anni. Il giornalista di Reuters Andrew Biraj è entrato nel bordello per documentare la vita di alcune di queste ragazze.