Me

Un americano uccide tre studenti musulmani

L'americano Craig Stephen Hicks, di 46 anni, si è costituito alla polizia che ora indaga sui possibili moventi

Immagine di copertina

Tre studenti musulmani della North Carolina University sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco all’interno del condominio in cui abitavano nella cittadina di Chapel Hill, in North Carolina, lo scorso martedì.

Craig Stephen Hicks, americano di 46 anni, si è costituito alla polizia poche ore dopo l’avvenimento. Al momento è accusato di omicidio di primo grado.

Le vittime sono Dean Shaddy Barakat, di 23 anni, la moglie Yusor Mohammad, di 21 anni, e sua sorella Razan Mohammad Abu-Salha di 19 anni.

— La storia dietro l’abbraccio tra un giovane manifestante afroamericano e un poliziotto bianco

Tutti e tre facevano parte dell’organizzazione United Muslim Relief, una Ong di fede musulmana che ha come obiettivo quello di sostenere lo sviluppo delle comunità svantaggiate in tutto il mondo.

Una delle tre vittime, Barakat, si era recato pochi mesi fa in Palestina per offrire cure dentali gratuite alla popolazione locale.

Shafi Khan, il fondatore di United Muslim Relief, ha riferito come siano in molti nella comunità di fede musulmana a temere che gli omicidi siano legati a motivazioni di tipo religioso.

Le proteste contro la violenza da parte della polizia americana nei confronti degli afroamericani

“All’interno della comunità esiste il timore che si possa trattare di un evento legato all’odio verso i musulmani”, ha detto Khan.

“Sto dicendo alle persone di non arrivare a conclusioni affrettate e di aspettare il rapporto della polizia”, ha riferito il fondatore di United Muslim Relief.

Per il momento le autorità non sono riuscite a stabilire il movente degli omicidi.

“I nostri detective stanno esplorando le ragioni che potrebbero aver spinto Hicks a commettere un atto così tragico e insensato”, ha detto Chris Blue, capo del dipartimento di polizia di Chapel Hill.

Qui c’è una lista delle ultime frasi più significative pronunciate dai ragazzi neri uccisi dalla polizia americana

Tra i possibili moventi al momento presi in considerazione dalla polizia c’è anche una disputa relativa a un parcheggio. 

Hicks si è definito un anti-teista e sul suo profilo Facebook aveva pubblicato numerosi commenti dai toni accesi rivolti a tutte le religioni e un’immagine del suo revolver calibro 38.