Me

Le notizie di oggi

Quello che dovete sapere per questa giornata

Immagine di copertina

Egitto: 25 morti al Cairo per gli scontri tra polizia e tifosi avvenuti al termine di una partita di calcio.

Isis: banditi nella capitale del Califfato in Siria, Raqqa, tutti i dispositivi Apple. I jihadisti temono che gli Stati Uniti li “spiino” tracciando i loro iPhone.

Iraq: almeno 40 morti nella notte a Baghdad a causa di alcuni attacchi terroristici rivendicati dall’Isis.

Il primo è avvenuto vicino a un ristorante, il secondo nel mercato di Shorjia, il terzo ha invece colpito il mercato all’aperto di Abu Cheer. A Tarmiya, città sunnita a nord della capitale irachena, una bomba ha ucciso 3 soldati di un convoglio.

Grecia: il primo ministro Alexis Tsipras ha presentato un piano per abbattere il programma di austerità imposto alla Grecia, escludendo qualsiasi estensione del piano di salvataggio internazionale e rompendo, così, con i suoi partner europei.

Niger: l’esercito ha respinto il secondo attacco in tre giorni da parte dei militanti di Boko Haram nella città di Diffa al confine con la Nigeria, a un giorno dal voto del Parlamento che deciderà se partecipare a un’offensiva regionale contro il gruppo islamista nigeriano.

Stati Uniti: l’ambasciatore statunitense in Libano ha annunciato che sono arrivate a Beirut armi e munizioni per un valore di 25 milioni di dollari, a dimostrazione del sostegno americano verso l’esercito libanese che combatte gli estremisti islamici al confine con la Siria.

Ucraina: i leader di Russia, Ucraina, Germania e Francia si incontreranno mercoledì in Bielorussia per cercare di trovare un accordo di pace per l’Ucraina. La cancelliera tedesca Angela Merkel è arrivata stamattina a Washington per un colloquio con il presidente Barack Obama sulla crisi.

Turchia: il G20 si riunisce a Istanbul. I ministri delle Finanze e i presidenti delle banche centrali delle 20 nazioni più ricche del mondo iniziano oggi il summit di due giorni. Intanto, a Tokyo si riuniscono i primi ministri di Thailandia e Giappone.

Iran: dopo quasi 12 anni di stallo sull’accordo per il nucleare di Teheran, il ministro degli Esteri iraniano Mohammed Javad Zarif ha annunciato la sua volontà di giungere a un’intesa con gli Stati Uniti, gli altri membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e la Germania.

Australia: il premier australiano Tony Abbott è sopravvissuto al voto di fiducia sulla sua leadership promosso dai parlamentari liberali. In 61 tra deputati e senatori hanno votato per rilanciare l’azione politica di Abbott, confermando il primo ministro in carica.

– Il collettivo di hacker Anonymous ha disattivato centinaia di account Twitter e Facebook appartenenti a presunti affiliati all’Isis. La campagna dei pirati informatici è partita dopo la strage al Charlie Hebdo.

Giappone: le autorità hanno ritirato il passaporto di un giornalista che stava per partire per la Siria. La decisione è stata presa alla luce di quanto accaduto al freelance Kenji Goto, ucciso dall’Isis poco dopo un altro cittadino giapponese, Haruna Yakawa. (Al Jazeera)

Coppa d’Africa 2015: la Costa d’Avorio vince il titolo dopo la vittoria contro la nazionale del Ghana. (Fifa)

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint).

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

(A cura di Laura Lisanti e Caterina Michelotti)