Me

Le notizie di oggi

Quello che dovete sapere per questa giornata

Immagine di copertina

GreciaSyriza, il partito di Alexis Tsipras, ha vinto le elezioni nel Paese ottenendo il 36,34 per cento.

Per 2 seggi non ha raggiunto la maggioranza assoluta in parlamento. Dopo la vittoria, il leader del movimento ha tenuto un discorso di fronte all’università di Atene.

Nigeria: le milizie del gruppo terroristico Boko Haram hanno attaccato la città di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, nel nord-est del Paese. Nelle ultime ore sono anche riusciti a conquistare la città di Monguno. (Reuters).

– Egitto: almeno 17 persone sono state uccise durante le più gravi proteste nel Paese da quando Abdel Fattah al-Sisi è stato eletto presidente. Le forze di sicurezza hanno sparato sui manifestanti che celebravano l’anniversario della rivolta del 2011 in cui venne rovesciato Hosni Mubarak. (Reuters)

Isis: ha confermato l’uccisione dell’ostaggio giapponese Haruna Yukawa attraverso la sua radio. (Telegraph

Filippine: 30 poliziotti sono morti ieri durante gli scontri con i ribelli musulmani a sud del Paese. Gli agenti erano arrivati nel villaggio di Tukanalipao per cercare un terrorista legato al gruppo jihadista Moro National Liberation Front. (New York Times)

Tunisia: Il partito tunisino Ennhada ha annunciato che non appoggerà la nuova coalizione di governo guidata dal partito laico Nidaa Tounés nel prossimo voto di fiducia. (New York Times)

Nucleare: gli Stati Uniti e l’India rinnovano i termini di un patto del 2008 sul nucleare. Ora l’accordo permetterà alle aziende americane di fornire tecnologia nucleare civile al mercato indiano. (Bbc)

Hacker: violato il sito della compagnia Malaysia Airlines. L’attacco informatico è firmato “Official cyber caliphate”. (Cnn

Zambia: Edgar Lungu, ex ministro di Difesa e Giustizia dello Zambia, ha vinto le elezioni presidenziali. (Bbc)

Unione Europea: i leader ebrei di tutta Europa chiedono una legislazione che vieti l’antisemitismo. La proposta renderebbe punibile attività quali i matrimoni forzati, le mutilazioni genitali femminili, la negazione dell’Olocausto e il divieto del burqa. (Guardian)

Repubblica Centrafricana: rapito il ministro della Gioventù e dello Sport Armel Nigatoloum Sayo a Bangui, la capitale. Un gruppo di uomini lo ha sequestrato fuori da una chiesa. (Reuters

Mali: alcuni uomini armati non identificati si sono scontrati con le forze di sicurezza del Mali nella regione settentrionale di Timbuctu uccidendo almeno 3 soldati. (Reuters)

 Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint).

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

(A cura di Laura Lisanti e Caterina Michelotti)