Me

I giocatori di calcio al fronte

In un video prodotto dalla UEFA, i calciatori di oggi raccontano la tregua di Natale del 1914 con le parole dei soldati al fronte

Immagine di copertina

La prima guerra mondiale era iniziata da pochi mesi quando il giorno di Natale del 1914 migliaia di soldati tedeschi, inglesi e francesi, che combattevano nelle Fiandre, in Belgio, deposero le armi e si scambiarono gli auguri.

Fu l’ultimo gesto di umanità prima che gli orrori della Grande Guerra mettessero da parte ogni sentimento di fratellanza. I ragazzi che combattevano la guerra, nemici tra loro, uscirono allo scoperto: si abbracciarono, fumarono, cantarono insieme, si scambiarono doni e organizzarono anche partite di calcio.

Per ricordare quella tregua, l’UEFA ha diffuso un video che ritrae i calciatori Wayne Rooney, Philipp Lahm, Hugo Lloris, Bastian Schweinsteiger e Gareth Bale mentre leggono le lettere scritte da quei ragazzi inglesi, tedeschi e francesi che nel 1914 combattevano al fronte.

Cento anni dopo, altri ragazzi inglesi, tedeschi e francesi, che oggi giocano partite di calcio negli stadi più belli d’Europa, raccontano la storia dei loro coetanei, con il contributo di Sir Bobby Charlton, Didier Deschamps, Paul Breitner e del presidente UEFA Michel Platini.

 

La prima pagina del Daily Mirror del gennaio 1915: soldati tedeschi e inglesi posano insieme nel giorno di natale.