Me

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

Immagine di copertina

Siria: l’Onu ha sospeso gli aiuti per 1,7 milioni di profughi in fuga dal Paese per mancanza di fondi.

Arabia Saudita: una donna è stata arrestata perchè alla guida di un’automobile.

Ebola: secondo l’Organizzazione mondiale della sanità ci sarebbe un consistente rallentamento dell’epidemia nell’Africa occidentale.

Cina: migliaia di insegnanti sono in sciopero da sei giorni nel nordest del Paese per protestare contro gli stipendi troppo bassi.

Stati Uniti: il presidente Barack Obama ha proposto di stanziare 263 milioni di dollari per installare delle telecamere sulle divise degli agenti di polizia al fine di migliorarne la condotta.

Cisgiordania: una donna palestinese è stata ferita da colpi di arma da fuoco dopo aver probabilmente aggredito un civile israeliano nei pressi di una colonia.

Ebola: secondo i medici dell’ospedale Spallanzani, le condizioni del medico italiano affetto dal virus sarebbero “lievemente peggiorate”.

Bahrein: l’attivista Maryam al Khawaja è stata condannata a un anno di prigione per aver aggredito una poliziotta.

Russia: l’amministratore delegato di Gazprom Alexei Miller ha annunciato che sarà bloccata la costruzione del gasdotto South Stream, che avrebbe dovuto collegare il Paese all’Europa meridionale. A detta di Miller, l’Ue avrebbe creato alcuni ostacoli.

Thailandia: il governo ha vietato l’applicazione per il noleggio di automobili Uber, perchè vìola la legge del Paese.

Italia: in un comunicato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha annunciato che non si dimetterà prima della fine del semestre italiano di presidenza dell’Unione europea, in coincidenza con la fine del 2014.

Iraq: 16 poliziotti sono stati uccisi in un’esplosione ad Al Walid, nell’ovest del Paese.

Premio Right Livelihood: il premio assegnato dal Parlamento svedese a chi contribuisce a migliorare la società attraverso il proprio lavoro è stato conferito al protagonista dello scandalo Datagate Edward Snowden.

Italia: nel terzo trimestre del 2014 il Pil è calato dello 0,1 per cento.

Hong Kong: Joshua Wong, leader delle proteste, ha dato inizio a uno sciopero della fame.

Afghanistan: almeno 9 persone sono morte in un attentato nel nord del Paese.

Uruguay: Tabare Vazquez del Frente Amplio è stato eletto Presidente del Paese nel ballottaggio tenutosi ieri.

Cina: il cantante tibetano Kalsang Yarphel è stato condannato a 4 anni di carcere per aver incoraggiato i suoi conterranei a parlare la propria lingua.

Tunisia: un gruppo di miliziani islamisti ha decapitato un agente di polizia nel nordovest del Paese.

Francia: sono morte 5 persone a causa delle alluvioni nel sud del Paese. Il numero degli evecuati, invece, sarebbe di 2.800 persone.

India: 13 poliziotti sono stati uccisi da un attacco dei ribelli maoisti nello stato del Chhattisgarh.

Repubblica Democratica del Congo: l’ex capo di una milizia ribelle Thomas Lubanga è stato condannato dalla Corte Penale Internazionale a 14 anni di reclusione per crimini di guerra.

Regno Unito: 5 persone sono state arrestate con l’accusa di aver preparato presunte azioni terroristiche.

Nigeria: l’esercito ha ripreso il controllo della città di Yobe dopo che era stata attaccata da Boko Haram. Almeno sei persone sono morte in un’esplosione nel mercato di Maiduguri.

Egitto: tre persone sono morte a causa dell’influenza aviaria.

Sierra Leone: l’Organizzazione mondiale della sanità ha denunciato la mancanza di posti letto nel Paese per i malati di Ebola.

Israele: il primo ministro Benjamin Nethanyau ha minacciato di convocare elezioni anticipate a causa di divergenze all’interno della coalizione di governo.

Belgio: i sindacati hanno convocato un nuovo sciopero generale contro le misure di austerità del governo.

Perù: i rappresentanti di 195 Paesi sono riuniti a Lima per preparare l’accordo sul clima da siglare a Parigi nel 2015.

Russia: naufragato un peschereccio sudcoreano. Una persona è morta.

Moldavia: nelle elezioni parlamentari tenutesi ieri ha vinto la coalizione filoeuropeista.

Regno Unito: l’ex primo ministro laburista Gordon Brown ha annunciato che si ritirerà dalla politica alla fine dell’attuale legislatura, nel 2015.

Namibia: le elezioni presidenziali tenutesi ieri hanno visto la vittoria di Hage Geingog, candidato del partito di governo.

Regno Unito: un gruppo di attivisti ha lanciato un boicottaggio nei confronti di Amazon per chiedere all’azienda di pagare il salario minimo ai propri dipendenti.

Calcio: i tre finalisti del Pallone d’Oro 2014 saranno l’argentino Lionel Messi, il portoghese Cristiano Ronaldo e il tedesco Manuel Neuer.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint).

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E