Me

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

Immagine di copertina

Ucraina: da quando è stato firmato il cessate il fuoco lo scorso 5 settembre ci sono state 957 vittime, una media di 13 morti al giorno. Lo riferiscono le Nazioni Unite.

Italia: il comune di Casale Monferrato osserva oggi una giornata di lutto nazionale, in seguito alla sentenza Eternit che ha visto l’annullamento dei risarcimenti alle vittime in quanto il reato è stato dichiarato prescritto.

Uganda: un nuovo disegno di legge contro i gay verrà appoggiato anche dall’opposizione. Il decreto prevede di criminalizzare la “promozione” di attività omosessuali, rendendola soggetta a una pena di 7 anni di carcere.

Svezia: La corte d’appello di Stoccolma ha negato l’appello a Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, e ha confermato il mandato d’arresto per l’uomo. Qualora Assange lasciasse l’ambasciata londinese dell’Ecuador, verrebbe estradato in Svezia.

Nigeria: a causa di disordini avvenuti nel parlamento nigeriano, non si è potuta votare la proposta del presidente del Paese, Jonathan Goodluck, per estendere il periodo di stato di emergenza nei tre stati federali che hanno più sofferto a causa dell’offensiva di Boko Haram. Lo stato di emergenza scade questa settimana.

Birmania: l’esercito ha attaccato i ribelli della minoranza etnica kachin nell’area da loro controllata nei pressi del confine con la Cina. Più di venti i morti. 

Egitto: la polizia egiziana ha arrestato Mohamed Ali Bishr, uno dei leader di spicco dei Fratelli Musulmani, con l’accusa di aver organizzato le proteste contro il governo previste per il prossimo 28 novembre.

Stati Uniti: i feriti nella sparatoria che ha avuto luogo alla Florida State University sono 3, uno dei quali è in condizioni critiche. L’uomo che ha aperto il fuoco, che si chiamava Myron May, è stato ucciso dalla polizia.

Burkina Faso: l’ex presidente Blaise Compaoré, fuggito in Costa d’Avorio dopo le proteste scoppiate nel Paese lo scorso ottbore, si è spostato in Marocco.

Italia: Sara Errani e Roberta Vinci sono state nominate miglior doppio dell’anno dalla WTA, l’associazione di tennis femminile.

Stati Uniti: il regista americano Mike Nichols, vincitore del premio Oscar per il film “Il laureato”, è morto a 83 anni a Los Angeles.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint).

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E