Me
Le notizie di oggi
Condividi su:

Le notizie di oggi

Quelle che non leggerete sui vostri giornali

17 Nov. 2014

Isis: ieri diffuso un video in cui si mostra l’uccisione dell’ostaggio americano Peter Kassig e di oltre dieci soldati dell’esercito siriano.

Libia: ieri è tornato in Italia Gianluca Salviato, tecnico rapito nel marzo 2014.

Italia: ieri sono morte tre persone a causa de maltempo nel nordovest.

Australia: si è concluso il G20 tenutosi a Brisbane.

Siria: secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, 1.200 persone sono morte a Kobane negli ultimi due mesi, da quando è iniziato l’assedio dell’Isis alla città.

Iraq: ieri nel Paese sono morte 74 persone e 37 sono rimaste ferite.

Romania: il conservatore Klaus Iohannis è il nuovo presidente. Ha vinto il ballottaggio contro il socialdemocratico Victor Ponta.

Iran: sembra essere vicino all’accordo sul nucleare con Stati Uniti e Unione europea.

Biciclette: il giro d’affari che vi gira intorno, dalla loro produzione alla costruzione di piste ciclabili, dà lavoro a 655mila persone in Europa. Lo afferma la European cycling federation.

– Ucraina: nuovi scontri a Donetsk tra l’esercito ucraino e i filorussi.

Nigeria: l’esercito annuncia di aver ripreso il controllo della città di Chibok, in mano a Boko Haram.

Colombia: il governo sospende i negoziati con i guerriglieri delle Farc dopo il rapimento di un generale dell’esercito.

Italia: l’ex premier Silvio Berlusconi è stato ricoverato a causa dell’aggravarsi di un’uveite.

Giappone: nel terzo trimestre del 2014 il pil del Paese è sceso dell’ 1,6 per cento, nonostante le previsioni di un aumento del 2,1.

– Case farmaceutiche: la Allergan, produttrice del botox, va verso la fusione con Actavis.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint)

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus