Me
Cosa è successo oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

17 Nov. 2014

Nel mondo ci sono 36 milioni di schiavi, prevalentemente lavoratori nelle piantagioni e prostitute. Lo rivela la fondazione Walk free.

Israele: verranno demolite le case dei palestinesi coinvolti nelle violenze in Cisgiordania del 14 novembre.

Migranti: affonda un barcone a largo di Porto Empedocle, in Sicilia. Morti due migranti.

Chiesa Anglicana: da oggi le donne possono diventare vescovi.

Isis: uno dei boia dei soldati siriani sarebbe un francese che ha aderito all’Isis. Smentita la voce della partecipazione di un jihadista britannico allo stesso video, nel quale viene mostrata anche la decapitazione di Peter Kassig.

Italia: il sottosegretario alla presidenza del consiglio Graziano Delrio, in visita a Genova, ha parlato di una deroga al patto di stabilità per i comuni alluvionati.

Colombia: il governo ha interrotto i negoziati con i guerriglieri delle Farc dopo che questi ultimi hanno rapito un generale dell’esercito.

Italia: due residenti e un poliziotto sono rimasti feriti durante lo sgombero di una casa popolare a Milano.

Romania: il conservatore Klaus Iohannis eletto presidente. Ha sconfitto al ballottaggio il socialdemocratico Victor Ponta.

Iraq: morte 12 persone nell’esplosione di un’autobomba a Baghdad. Dal 14 novembre la coalizione internazionale ha compiuto 20 raid (sono 11 in Siria).

Ebola: morto un chirurgo in Nebraska. Era appena tornato dalla Sierra Leone, dove aveva contratto il virus, per potersi curare.

Cisgiordania: proteste in seguito alla morte di un conducente di autobus palestinese, avvenuta in circostanze al momento non chiarite.

Russia: espulsi diplomatici polacchi. Le autorità hanno lasciato intendere che la misura è stata presa in seguito ad attività di spionaggio.

Nigeria: l’emiro di Kano, uno dei massimi leader religiosi del Paese, ha esortato i cittadini a prendere le armi contro Boko Haram.

Ucraina: l’Ue ha deciso di imporre nuove sanzioni verso i ribelli filorussi. Nelle ultime 24 ore sono morte 9 persone negli scontri nell’est del Paese.

Italia: voto finale per il Job Acts alla camera il 26 novembre.

Australia: il Paese firma con la Cina un accordo di libero scambio.

Kenya: operazione antiterrorismo contro gli Shaabab. Morta una persona.

Belgio: la banca britannica Hsbc accusata di riciclaggio.

Regno Unito: evacuata la Portcullis House, un distaccamento del Parlamento britannico, per un presunto allarme bomba.

Nigeria: il Presidente Goodluck Johnathan chiederà al parlamento di prolungare lo stato d’emergenza negli stati del nord colpiti da Boko Haram.

Portogallo: si è dimesso il Ministro dell’Interno Miguel Macedo, coinvolto in un’indagine legata alla corruzione.

Burkina Faso: l’ex ministro degli Esteri Michel Kafando è stato nominato presidente ad interim.

Egitto: morta una persona a causa dell’influenza aviaria.

Facebook: sta producendo un nuovo social network per gli uffici che ha come finalità la condivisione di documenti di lavoro.

Halliburton: la multinazionale statunitense ha comprato la rivale Baker Hughes per 34,6 milioni di dollari.

Cioccolata: le aziende produttrici Mars e Barry Callebaut annunciano che, a causa dell’alto consumo, le piante di cioccolato si stanno esaurendo.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint).

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus