Me
La prima pista ciclabile solare
Condividi su:

La prima pista ciclabile solare

È stata inaugurata oggi nei Paesi Bassi, anche se è ancora incompleta, e sarà in grado di produrre energia elettrica

12 Nov. 2014

È la prima pista ciclabile solare al mondo. Si chiama SolaRoad e, nelle intenzioni dei suoi inventori, è un progetto rivoluzionario che consentirà di ricaricare biciclette e veicoli elettrici su tutta la rete stradale del Paese, che conta 22mila chilometri di piste ciclabili.

La pista è stata inaugurata oggi, 12 novembre 2014, e il primo tratto sperimentale è lungo 70 metri, pavimentato con pannelli solari in grado di accumulare calore e di produrre energia pulita. Collega Krommenie – sobborgo trenta chilometri a nord di Amsterdam – e Wormerveer, lungo il cui tratto si stima transitino ogni giorno circa 2mila biciclette.

I lavori di SolaRoad sono iniziati nel 2009 da un’idea dell’istituto di ricerca olandese Tno. Il progetto è costato circa 3 milioni di euro e il tratto finora costruito dovrebbe riuscire a coprire il fabbisogno elettrico di tre famiglie, scrive LifeGate.

“L’obiettivo è arrivare a 100 metri di pista solare nel 2016 per poi provare a estendere questa idea anche a tratti di strada tradizionali, quelli che ancora vengono attraversati da automobili e altri veicoli.”

“Secondo quanto si legge sul sito ufficiale di Solaroad, se tutte le strade degli Stati Uniti venissero pavimentate con pannelli solari, il Paese produrrebbe tre volte l’energia che genera oggi, con un taglio alle emissioni di CO2 pari al 75 per cento”, riporta LifeGate.

I Paesi Bassi hanno una popolazione di 16 milioni di persone, ma nel Paese ci sono 18 milioni di biciclette.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus