Me
Il drone che salva la vita
Condividi su:

Il drone che salva la vita

Ogni anno 1 milione di persone in Europa viene colpito da arresti cardiaci. Soltanto l'8 per cento riesce a sopravvivere

11 Nov. 2014

Ogni anno quasi 1 milione di persone in Europa viene colpito da arresti cardiaci. Soltanto l’8 per cento riesce a sopravvivere.

La ragione è che spesso l’intervento dei sanitari non è tempestivo: se la rianimazione non viene fatta nel giro di 4-6 minuti, sopraggiunge la morte cerebrale.

Alec Momont, un ingegnere belga di 23 anni, crede di aver trovato la soluzione e ambisce a portare il tasso di sopravvivenza degli arresti cardiaci all’80 per cento dei casi. Per farlo, ha realizzato un drone ambulanza, che raggiunge una velocità di 100 km/h ed è in grado di trasportare un defibrillatore nel giro di un minuto sul luogo dell’incidente.

Il drone viene pilotato dai sanitari che ricevono la telefonata d’emergenza e sono loro a dare indicazioni su come attivare il defibrillatore. Il velivolo è anche dotato di una telecamera, che trasmette in diretta le immagini al pronto soccorso.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus