Me
La mostra di Steve McCurry a Monza
Condividi su:

La mostra di Steve McCurry a Monza

Villa Reale di Monza ospita fino al 6 aprile 2015 circa 150 immagini e video del grande fotografo americano

31 Ott. 2014

Villa Reale di Monza ospita dal 30 ottobre 2014 Steve McCurry oltre lo sguardo, la mostra dedicata al fotografo americano, una delle voci più iconiche della fotografia contemporanea.

L’esposizione è composta da circa 150 immagini e arricchita da diversi video nei quali McCurry si racconta. “Ho imparato a essere paziente. Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te”, racconta McCurry.

Sono presenti i lavori più recenti di McCurry, ma non mancano alcune delle sue immagini più conosciute, come il Ritratto di Sharbat Gula, la ragazza afghana diventata una delle icone assolute della fotografia mondiale e pubblicata sulla copertina del National Geographic Magazine di giugno 1985.

La mostra a Monza rimarrà aperta al pubblico fino al 6 aprile 2015.

Qui alcune immagini 

(Nella foto: Steve McCurry parla con un uomo della tribù Surma, Omo Valley, Etiopia, 2012).

(Nella foto: Giochi di ombre, Preah Khan, Angkor, Cambogia, 1999).

(Nella foto: Ragazza sull’uscio, Afghanistan, 2003).

(Nella foto: Bambini della tribù Kara guardano attraverso le finestre, Omo Valley, Etiopia, 2013).

(Nella foto: Ritratto di un ragazzo della tribù Suri, Omo Valley, Etiopia, 2013).

(Nella foto: Un ragazzo seduto su una sedia, Omo Valley, Etiopia,2013).

(Nella foto: Operai su una locomotiva a vapore, India, 1983).

(Nella foto: Un uomo anziano della tribù Rabari, Rajasthan, India, 2010).

(Nella foto: Cammelli e giacimenti di petrolio, Kuwait, 1991).

(Nella foto: Robert De Niro nella sua sala di proiezione a Tribeca, New York, Stati Uniti, 2010)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus