Me
I prezzi surreali del Venezuela
Condividi su:

I prezzi surreali del Venezuela

Il fotoreporter Carlos Garcia Rawlins ha documentato i prezzi distorti dei prodotti venezuelani a causa della crisi economica

28 Ott. 2014

Le politiche economiche del governo venezuelano hanno causato una surreale distorsione dei prezzi, che ha drammaticamente colpito il potere d’acquisto dei cittadini.

Secondo i dati recentemente pubblicati dalla Banca centrale, il tasso di inflazione è pari al 63 per cento, il più alto del Sudamerica. 

Il governo ha difficoltà a far rispettare il tasso di cambio ufficiale, per cui 1 dollaro è pari a 6,26 bolivar (la valuta locale), quando sul mercato nero 1 dollaro è scambiato per ben 100 bolivar.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha definito il salario minimo del suo Paese, pari a 4.252 bolivar, come uno dei più alti della regione. Secondo l’attuale tasso di cambio ufficiale, è l’equivalente di 675 dollari o 495 euro.

Ma stando alle regole imposte dal tasso di cambio del mercato nero venezuelano, il salario minimo nazionale è pari a solo 42,5 dollari o 31 euro circa. Sedici volte meno rispetto al tasso di cambio ufficiale.

Secondo il presidente Maduro, il crollo del valore del bolivar nel mercato nero è da attribuire a una “guerra economica” volta a destabilizzare il governo socialista venezuelano, e alle proteste dell’opposizione. I prezzi di tutti i prodotti vengono stabiliti in base al mercato nero e perciò, convertendoli in dollari secondo il tasso ufficiale, ne vengono fuori prezzi gonfiatissimi.

Per illustrare questa situazione, il fotoreporter venezuelano Carlos Garcia Rawlins ha fotografato diversi prodotti e la relativa somma in dollari necessaria per acquistarli, stando agli attuali prezzi surreali causati dalle politiche economiche del governo di Caracas.

Nella foto: un chilo di carote ha raggiunto il prezzo di 19 dollari e 5 centesimi.

Nella foto: una lattina di Coca-Cola ha raggiunto il prezzo di 5 dollari e 56 centesimi.

Nella foto: un Big Mac, il più noto panino di McDonald’s, ha raggiunto il prezzo di 14 dollari e 60 centesimi.

Nella foto: un paio di scarpe da corsa Adidas Adipure Crazy ha raggiunto il prezzo di 1.198 dollari.

Nella foto: un asciugamano da bagno ha raggiunto il prezzo di 136 dollari.

Nella foto: un asciugacapelli ha raggiunto il prezzo di 697 dollari.

Nella foto: un televisore al plasma Samsung 32 pollici ha raggiunto il prezzo di 5.476 dollari.

Nella foto: una pentola a pressione in alluminio ha raggiunto un prezzo di 507 dollari.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus