Me

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

Immagine di copertina

Stati Uniti: sparatoria in una scuola di Marysville, a nord di Seattle, nello stato di Washington. Uno studente al primo anno di liceo ha sparato e ucciso una persona. Poi si è suicidato. Almeno 6 feriti, scrive la Cnn.

Iran: domani sarà impiccata Reyhaneh Jabbari, condannata a morte nel 2009 per aver ucciso il proprio stupratore.

Mali: morta bimba di 2 anni a causa dell’Ebola. Si tratta del primo caso nel Paese.

La frase: “L’orso russo non chiederà mai permesso a nessuno”. Lo ha detto Vladimir Putin, criticando la reazione negativa della comunità internazionale al referendum di marzo per l’annessione della Crimea alla Russia. A suo avviso, il precedente del Kosovo non giustifica l’atteggiamento tenuto dalla comunità internazionale verso la Crimea.

Election Sunday: domenica 26 si voterà per il secondo turno delle Presidenziali in Brasile, il rinnovo del Parlamento in Tunisia e Ucraina, e in Uruguay si voterà sia per il Presidente che per il Parlamento.

Botswana: oggi si è votato per il rinnovo del Parlamento.

Isis: ha usato armi chimiche al cloro contro soldati iracheni, scrive il Washington Post (leggi l’articolo).

Cisgiordania: ucciso ragazzo 15enne palestinese in scontri a Ramallah. Secondo l’esercito israeliano stava lanciando molotov 

Canada: per il ministro degli Esteri non c’è alcuna prova che l’attacco di Ottawa abbia legami con l’estremismo islamico.

Ebola: guarite entrambe le infermiere contagiate a Dallas.

Renzi: ha detto che sulla legge di stabilità non ci sono particolari preoccupazioni.

Siria: il governo di Assad fornisce sostegno militare e logistico ai curdi. Secondo Erdogan anche esponenti dell’Esercito Libero Siriano si trovano a Kobane per combattere, ma curdi smentiscono. Sulla città a maggioranza curda sarebbero state gettate circa 1.700 bombe.

Egitto: triplice attentato da parte dei jihadisti uccide 28 militari nel Sinai.

Israele: proseguono gli scontri a Gerusalemme Est tra polizia e palestinesi.

Ucraina: per l’Alto commissariato Onu per i rifugiati gli sfollati a causa del conflitto nel Paese sarebbero 820mila.

Hong Kong: i manifestanti voteranno domenica le proposte fattegli dal governo.

Francia: ha dato l’ok all’estradizione del dissidente kazako Ablyazov in Russia e Ucraina.

Casa Bianca: dopo l’ultima incursione, raddoppiata la distanza tra transenne e recinzione.

Somalia: l’Onu ha stabilito che controllerà le navi dirette nel Paese per evitare che gli Shabaab siano forniti di armi e carbone.

Campagna regione lazio

Libia: i militari di Haftar dichiarano di aver preso possesso del 90 per cento di Bengasi. Portavoce dei militari ha riferito che con gli islamisti erano presenti anche stranieri.

Regno Unito: alcune società hanno trovato presso l’aeroporto di Gatwick una riserva di petrolio da 20 milioni di barili.

– Nigeria: sorella della ministra del Petrolio rapita da uomini armati nel Delta del Niger.

Tunisia: polizia uccide 6 terroristi in una sparatoria a Tunisi a pochi giorni dalle elezioni.

– Svezia: il ministro degli Esteri Margot Wallstrom ha detto che riconoscere lo stato palestinese serve ad aiutare i negoziati di pace.

– Francia: Marine Le Pen dice che “è tempo di sospendere Schengen” a fronte del problema dell’immigrazione clandestina.

Brasile: il calciatore Neymar ha affermarmato che sosterrà Aécio Neves alle elezioni presidenziali di domenica prossima. Dilma avanti negli ultimi sondaggi.

New York: un uomo aggredisce due agenti prima di essere ucciso.

– Regno Unito: i file provenienti dai National Archives di Londra rivelano che durante la guerra fredda i servizi segreti spiarono numerosi intellettuali di orientamento marxista.

Stati Uniti: Washington Post e Cnn rivelano che l’Fbi cercò di convincere Monica Lewinsky a collaborare per incastrare Clinton.

Elisabetta II: ha inviato il suo primo tweet.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint)

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E